Ho sceso, dandoti il braccio

(Montale, “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale”, Satura, 1971)

tramonto_stromboli

 C’è una persona al nostro fianco che ci accompagna a braccetto nel lungo ma breve viaggio della vita e ne condivide ogni attimo. Quando non c’è, sentiamo il vuoto attorno e siamo smarriti, indifferenti alle quotidiane fatiche, alle consuetudini, agli inganni, alle illusioni. Solo┬áattraverso la sua presenza, pur essa fragile per l’umana natura, si può vedere il significato della vita. (r.b.)

HO SCESO, DANDOTI IL BRACCIO, ALMENO UN MILIONE DI SCALE

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.

Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.

Il mio dura tuttora, né più mi occorrono

le coincidenze, le prenotazioni,

le trappole, gli scorni di chi crede

che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio

non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.

Con te le ho scese perché sapevo che di noi due

le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,

erano le tue.

______________

Eugenio        Montale

_________________

Modena, 4 dicembre 2011

Roberto Beretta

 :roll:   Poesie

<< Fides (Pascoli) <<—>> Il mio paese è l’Italia (Quasimodo) >>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>