Liste pulite

Ineleggibili i condannati in via definitiva per reati gravissimi e gravi (mafia, terrorismo, sequestri di persona, tratta di esseri umani, contrabbando, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, traffico di rifiuti); ineleggibili in condannati in via definitiva con pene superiori ai due anni per i reati di corruzione, concussione, peculato, malversazione, traffico di influenze; ineleggibili i condannati in via definitiva per tutti i delitti che comportano una pena superiore ai quattro anni. Questa è la proposta contenuta nel decreto legislativo licenziato dal Consiglio dei Ministri, seguito all’entrata in vigore della legge anticorruzione (28 novembre). L’obbligo delle “liste pulite” viene introdotto per i candidati ai parlamenti italiano ed europeo, 😥 assemblee di regioni, province, comuni, circoscrizioni, consorzi, comunità montane, e in tutti gli enti in cui è prevista una nomina pubblica. Il governo è dato per agguerrito e non è disposto a modificare una sola virgola del suddetto decreto legislativo (denominato “liste pulite”). In attesa di saperne di più, e sperando di non avere capito bene, possiamo abbozzare qualche sconfortante commento.

I parlamentari indagati, rinviati a giudizio o con richiesta di rinvio a giudizio, condannati in vario grado, amnistiati, indultati, o con reati prescritti o depenalizzati, sono attualmente circa un centinaio. Gli elenchi completi sono noti e consultabili su numerosi siti internet. Il seguente è il campionario dei reati di cui gli onorevoli si sono o si sarebbero macchiati. A prima vista sembra l’elenco alfabetico dei reati previsti dai codici penale e civile. Da notare che le virtuali “liste pulite” di cui sopra ignorano di nominare la maggior parte dei reati realmente compiuti (oltre che la durata delle pene effettivamente inflitte).

“Abusivismo, abusivismo edilizio, abuso d’ufficio, abuso d’ufficio patrimoniale, abuso edilizio, aggiotaggio, appropriazione indebita, appartenenza a loggia massonica o struttura similare, assegni a vuoto, associazione a delinquere, associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio, associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, associazione camorristica, associazione segreta, bancarotta, bancarotta fraudolenta pluriaggravata, banda armata e associazione eversiva, calunnia, cessione gratuita di marjuana, concorso esterno in associazione mafiosa, concorso in falso, concorso in scambio elettorale, concorso in riciclaggio, concorso in truffa, concussione, concussione aggravata, consulenze ingiustificate, corruzione, corruzione aggravata, danno erariale, diffamazione, dissipazione post-fallimentare, estorsione, false comunicazioni sociali, falso ideologico, false dichiarazioni ai PM, false fatturazioni, falso, falso in atto pubblico, falso in bilancio, favoreggiamento, finanziamento illecito, finanziamento illecito ai partiti, fondi neri, frode fiscale, frode in commercio, istigazione a delinquere, lesioni personali, minacce, mendacio bancario, millantato credito, oltraggio a pubblico ufficiale, peculato, produzione di documenti falsi, propaganda razziale, resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione, rivelazione del segreto d’ufficio, tangenti, tentata corruzione in atti giudiziari, tentata estorsione, truffa, truffa aggravata, truffa aggravata e continuata, truffa ai danni dello Stato,┬á turbativa d’asta, vendita di sostanze alimentari non genuine, vilipendio alla bandiera, violazione del segreto d’ufficio, violazione della legge elettorale, violazione della legge “lavoro fanciulli e adolescenti”, violazione della legge sulle società segrete, violazione della legge sulle trasfusioni.”

Il decreto legislativo proposto dal governo prevede un giro di vite sulla selezione dei parlamentari. Ma se si fa per esempio un rapido conto di quanti attuali onorevoli, deputati e senatori, sarebbero realmente esclusi dalla prossima campagna elettorale, ci si rende subito conto che si possono contare sulle dita di una mano o al massimo due. Meno del 10% degli indagati-condannati-amnistiati-indultati-prescritti-depenalizzati. Se si pensa che il decreto approvato dal Consiglio dei Ministri passerà al vaglio delle commissioni parlamentari, a cui viene richiesto un parere consultivo entro sessanta giorni, e si ricorda che probabilmente si voterà in marzo e le camere vengono sciolte dal Presidente della Repubblica quaranta giorni prima del voto, e infine che la matematica non è un opinione, anche un bambino capirebbe che il decreto è un’autentica presa in giro dei cittadini, che vengono blanditi in vista della campagna elettorale. Viene il sospetto di una legge che cambia tutto per lasciare ogni cosa come è adesso. Ed è strumentale a questo scopo anche l’argomento garantista che vuole innocenti fino a condanna definitiva i parlamentari indagati ma non solo essi (come altrimenti leggere il circoscrivere l’ineleggibilità ai condannati in terzo grado, e la generosità verso i condannati a pene lievi, questi tuttora eleggibili, sempre ammesso che si possa chiamare lieve una pena detentiva)? ma è mai possibile che al cittadino comune non ci pensa mai nessuno? Non ha anch’egli il diritto di essere garantito che gli eletti siano degli onesti, dei galantuomini? Non sarebbe meglio stringere un po’ le maglie ? E se a qualcuno viene impedito di fare il parlamentare transitoriamente perché ha un giudizio pendente, è forse la fine del mondo? Perché questa smania di servire lo Stato ? Si presenterà più avanti se proprio è la sua vocazione. Si ritiene così scandaloso l’impedirgli di fare l’onorevole finchè non si fa chiarezza sulla sua moralità? E’ forse egli insostituibile? C’è bisogno proprio di lui? Siamo in sessanta milioni, possibile che non ne troviamo uno ritenuto onesto che occupi il suo posto? Non c’è nulla di incostituzionale se si domandano dei requisiti di moralità ai candidati alle assemblee elettive ed agli enti pubblici. L’articolo 65 della Costituzione consente alla legge di stabilire i casi di ineleggibilità di deputati e senatori.

In difesa dei cittadini e delle isituzioni propongo una legge costituita da un solo articolo: “art.1 – Sono eleggibili al Parlamento della Repubblica, al Parlamento europeo, alle assemblee elettive regionali, provinciali, comunali, e in ogni ente dove è prevista per legge una nomina pubblica, i candidati che non hanno mai riportato condanne penali, né hanno goduto di amnistia, indulto, prescrizione, condono o perdono giudiziale, né hanno procedimenti penali in corso al momento della nomina alla funzione pubblica cui sono stati eletti o prescelti dall’autorità competente per legge”.

_________________________

151° Unità d’Italia, Modena 1 dicembre 2012, Beretta Roberto

___________________________________________________

tutti gli articoli di attualità

tutti gli articoli di politica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>