Accanimento terapeutico

La rielezione di Giorgio Napolitano a Presidente della Repubblica, trova l’animo combattuto fra sentimenti opposti, ora di letizia e soddisfazione, ora di delusione e disillusione, ora di rassegnazione e preoccupazione. Salutiamo con soddisfazione il bis di Napolitano. Egli è stato, ed è, l’ispiratore e il portabandiera di questo sito. Egli, con grande senso di responsabilità e spirito di sacrificio, invocato da più parti politiche, riconosciuto il pericolo che corre l’Italia in questo passaggio istituzionale che sembra irresolubile, ha rinunciato alla personale attesa del riposo che l’età veneranda gli impone, per mettersi di nuovo al servizio del paese. Egli, con la nuova nomina, a larghissima maggioranza, viene da tutti riconosciuto e confermato quale punto di riferimento più alto ed indiscusso, più autorevole rappresentante delle istituzione e dell’unità degli italiani, come la nostra carta costituzionale afferma. ┬áRinnoviamo la stima alla persona di Giorgio Napolitano, nuovo Presidente della Repubblica. A Lui va l’augurio di saper guidare con saggezza la nazione, come sempre ha fatto per l’intero settennato.

👿 Non si pu├▓ per├▓ fare a meno di riconoscere nella scelta di riconfermare il Presidente l’incapacità decisionale della classe politica, l’impotenza a prospettare uno straccio di idea di cosa vuole essere e di dove vuole andare questo paese. Da molti mesi siamo in una situazione di stallo che non sa produrre, nonostante le aspettative interpretate dall’ascesa di Monti al governo, le riforme indispensabili per la società il lavoro e le istituzioni. Questo stallo, questa paralisi, passa attraverso la mancanza di un governo a due mesi dalle elezioni, e tocca l’apice nella riconferma del Presidente uscente. Nessuna legge elettorale, nessun governo, ed ora nessun presidente della repubblica. Non avendo alcuna idea del futuro, nessuna volontà, o capacità, di rischiare nuove strade, si è preferito restare nostalgicamente ancorati al passato, all’usato sicuro, ai giochi di palazzo, agli inciuci. L’icona di questo grande vecchio che ci ispira tenerezza e sicurezza, per la sua antica indomita forza, che soffia lucida e potente in un corpo solo all’apparenza indebolito e segnato dagli anni, questa figura rappresenta plasticamente il desiderio inconscio di affidarsi alla saggezza dei vecchi, di restare nel porto sicuro, di non affrontare il mare incognito, l’illusione di perpetuare la vita passata, senza cambiare ┬ánulla, senza aprirsi al futuro. La rielezione di Napolitano è una ritirata su un ponte che porta dritti indietro al passato, la rinuncia a costruire┬á la strada verso il futuro. Una difesa estrema del passato sistema. Un accanimento terapeutico. Eleggendo Napolitano con prospettiva di mandato di breve durata, data l’età anagrafica, i grandi elettori, insensibili alle istanze di rinnovamento che giungono a gran voce dal paese da molto tempo, hanno scelto gli uni il rinvio, ma solo di poche ore, della resa dei conti interna che porterà ad una probabile scissione multipla, già sancita di fatto nelle votazioni per il Quirinale, gli altri la rianimazione di un Presidente provvisorio da usare nel gioco di prestigio di un improponibile governo chimerico da sostenere in cambio del salvacondotto giudiziario per il capo e la riforma in senso presidenziale dell’ordinamento istituzionale, nella speranza non infondata di┬áottenere i numeri necessari alle prossime elezioni, più qualche riciclata favoletta sul fisco, sui milioni di posti di lavoro,┬áe sulla riforma della giustizia. La parte del paese che con le ultime elezioni ha chiesto di voltare pagina, una ventina di milioni di italiani più o meno, è stata tradita, o non consultata, o ignorata, o screditata, e resterà, anche per gli innegabili macroscopici errori dei suoi rappresentanti, ancora a bocca asciutta.

 

______________________________________

152° Unità d’Italia, 21 aprile 2013, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

politica

altri articoli su Giorgio Napolitano: festa della Repubblica, l’Italia migliore, Giorgio Napolitano,┬ágoverno del Presidente,┬ál’Italia è una è indivisibile, valorizziamo ci├▓ che ci unisce┬á

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>