Un dispaccio da Gaeta

I temerari marinai del nostro gozzo … ricordate? partito nottetempo da Ponza, avevano raggiunto Gaeta dopo sedici ore di traversata quando già il sole stava per concludere un’altro dei suoi infiniti giri. Nel porto della reale fortezza, quegli uomini avevano vistosamente attirato l’attenzione delle guardie doganali agitandosi in piedi e sbracciando, con richiami ed urla, per quanto fiato fosse ancora rimasto loro in corpo, esausti dopo l’angosciosa e frenetica gara sul mare. I terribili avvenimenti dell’isola furono in questo modo conosciuti dalle autorità militari. Così, pochi minuti prima che il Cagliari sbarcasse gli insorti davanti alla spiaggia dell’oliveto, a circa centoventi miglia di distanza, le autorità militari borboniche, i supremi comandi, i ministri della guerra e degli interni, il re, la corte intera erano a conoscenza dello sbarco e del luogo dove esso sarebbe avvenuto. Alle diciannove e quarantacinque un dispaccio telegrafico da Gaeta informava la periferia, e cioè l’Intendenza di Salerno, sotto la cui giurisdizione era posto il tenimento di Sapri, dell’azione degli insorti, dell’evasione dei detenuti, dell’imminente arrivo del bastimento dirottato. E senza perdere tempo, l’intendente di Salerno provvedeva a sua volta ad attivare i comandi militari della provincia, sollecitando la preparazione e l’immediato invio di truppe sul luogo. In brevissimo spazio di tempo sei compagnie di cacciatori si mettevano in marcia da Salerno diretti a Sapri. Il sottintendente di Sala, mobilitati tutti i distaccamenti militari e della guardia urbana nel Vallo di Diano, formava una forza di opposizione con l’ordine di concentramento su Padula. Fra le popolazioni del distretto venne fatta circolare la voce che trecento detenuti erano evasi dal bagno penale di Ponza ed avanzavano dal borgo di Sapri attraverso i monti verso il Vallo, abbandonandosi gli sbandati ad ogni genere di vessazione e di atrocità nei confronti degli abitanti del contado. E prima ancora della mezzanotte due fregate della reale marina, i cui uomini furono incitati e salutati dal re Ferdinando in persona, salpavano da Gaeta in direzione del golfo di Policastro con l’obbiettivo di intercettare la nave degli insorti, e queste furono seguite poche ore dopo da un altro legno di truppe con identica missione. Poche ore di navigazione bastarono alle navi borboniche per catturare, al mattino, in vista dell’isola di Capri il Cagliari, mettendo così fine al suo navigare ribelle e sovversivo. Lo sfortunato equipaggio e gli altrettanto sventurati passeggeri furono tratti in arresto. Le due lettere di Pisacane indirizzate a Mazzini ed alla moglie Enrichetta passavano dalle mani del capitano Danèri a quelle della polizia borbonica. Per la sua compagnia, radunata sul fare dell’alba in attesa dell’ordine di marcia del generale, il fattore sorpresa veniva azzerato. Oltre le anguste valli e gli inospitali monti cilentani, la macchina militare del re delle Due Sicilie si preparava ad accoglierli ad armi spianate.

> fine del 14° episodio <

< uccisione di Costabile Carducci <   > Torraca >

 :roll: la spedizione di Sapri

__________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 20 Settembre 2012, Beretta Roberto

____________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>