Nucleare scelta complessa

Ad Meskens: centrale di Doel, Olanda

LA SICUREZZA E’ UN CONCETTO RELATIVO. Lo svolgimento delle attività umane comporta sempre un qualche rischio. Per andare a lavorare molti di noi usano la macchina, ma nessuno pensa o si preoccupa che potrebbe essere coinvolto in un incidente (tranne i genitori per i figli), così in cucina potremmo scottarci nello scolare la pasta, ma non per questo smettiamo di far da mangiare, quando saliamo su un aereo, sappiamo che è altamente improbabile che precipiti, ma che se questo avvenisse non avremo possibilità di scampo, eppure milioni di persone al giorno prendono un aereo, salgono su un treno, prendiamo una funivia per andare a sciare, e così via. Perchè quelli sì e il nucleare no? Ogni giorno nello svolgimento delle nostre attività ci prendiamo qualche rischio. Però giudichiamo che vale la pena di correre quel rischio perché il vantaggio è grande o irrinunciabile. Ogni anno muoiono sulle strade italiane circa 6000 persone con centinaia di migliaia di feriti ed elevati costi sociali, oppure vi sono più di mille morti sul lavoro, o ancora decine di migliaia di morti all’ anno per tumori causati dal fumo, eccetera, eppure siamo disposti ad assumerci questi rischi senza battere ciglio, dato che tutti usciamo di casa in automobile, la maggior parte va a lavorare, molti continuano imperterriti a fumare, chi può e lo desidera continua a sciare. L’ energia è necessaria, quali rischi vogliamo correre per continuare ad averla ?

RICERCA. Si può riconoscere che costruire centrali nucleari in questo momento è complesso oltre che pericoloso. In ogni caso tuttavia la ricerca scientifica sul nucleare deve continuare. Sul trattamento delle scorie radioattive, sulla produzione di energia nucleare non fissile, sulla fusione cosiddetta fredda, ed infine sulla fusione nucleare, che rivoluzionerà la produzione di energia del futuro, per l’ elevata disponibilità del combustibile (deuterio e trizio dall’ acqua) e la non produzione di isotopi radioattivi. Rinunciare alle centrali nucleari metterà a rischio la ricerca ?

ENERGIE ALTERNATIVE. Puntare sul nucleare significa probabilmente rinunciare al risparmio ed alle energie alternative (solare ed eolico, biomasse e geotermico). In particolare l’energia solare rappresenta una fonte di energia inesauribile, pulita, di facile accessibilità, disponibile in loco, gratuita, distribuita e libera – cioè non dipendente da paesi esteri né eventi internazionali, non controllabile né monopolizzabile da parte di gruppi economici e finanziari. Il nucleare ha bisogno di grandi capitali concentrati in poche mani, con il solare si avrebbe una energia distribuita, con costi parcellizzati sull’ intera popolazione, dove tutti sono proprietari. Le energie alternative tuttavia potrebbero non essere sufficienti a rimpiazzare i combustibili fossili ed a garantire in futuro l’ energia necessaria. Perciò diventa a questo punto inevitabile porsi il quesito cruciale e cioè domandarsi quale società immaginiamo nel prossimo futuro.

QUALE MODELLO DI SVILUPPO ? In futuro avremo bisogno di più energia ? Aumentare il PIL all’ infinito è indice di progresso e benessere ? Non stiamo distruggendo l’ ambiente in cui viviamo ?Vogliamo consumare ancora di più ? Non abbiamo tutto e senz’ altro anche il superfluo già ora ? Siamo felici ? Abbiamo perso di vista l’ essenziale ? E’ arrivato veramente il tempo di una moratoria. Fermiamoci a riflettere. Chiediamoci chi siamo e dove vogliamo arrivare. Troveremo anche la risposta a quanta e quale energia ci serve.

___________________

Mi rendo conto di aver confuso le idee, ma l’obbiettivo non è quello di fare delle crociate pro o contro il nucleare, nè di convincere qualcuno, ma di fornire spunti di riflessione affinchè ciascuno possa decidere con consapevolezza e liberamente ciò che ritiene meglio per sè e per la collettività.

_______________________

Modena, 7 giugno 2011

Beretta Roberto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>