Manifesto della razza

Il giorno della memoria serve anche per ricordare le gravi responsabilità di noi italiani alla Shoah: oggi vogliamo richiamare l’attenzione sul contributo all’olocausto di alcuni scienziati ed intellettuali.

IL MANIFESTO DEGLI SCIENZIATI RAZZISTI

I presupposti “scientifici” delle leggi razziali prodotte dal fascismo, vennero enunciati nel documento “Il fascismo e i problemi della razza”, pubblicato sul Giornale d’Italia il 15 luglio 1938, poi ripreso dal resto della stampa italiana. I dieci scienziati redattori delle tesi esposte – antropologi, biologi, fisiologi, patologi, psichiatri – fissavano la posizione del fascismo nei confronti del problema della razza. Organizzato in forma di decalogo, il documento affermava che le razze esistono, che la razza è un concetto puramente biologico, che è giunto il tempo che gli italiani si proclamino francamente razzisti, che esiste una pura “razza italiana”, che gli ebrei non appartengono alla razza italiana, che i caratteri fisici e psicologici degli italiani non devono essere alterati in nessun modo, in particolare da incroci con qualsiasi razza extraeuropea. Tale ideologia fu poi ufficialmente adottata dal Gran Consiglio del fascismo nella “Dichiarazione sulla razza”. Si schierarono a favore del manifesto decine di altri scienziati, intellettuali, giornalisti, politici. Le leggi razziali furono varate in un crescendo inarrestabile, ed attraverso di esse si determinarono le condizioni per il contributo italiano all’olocausto. In particolare il censimento della popolazione ebraica, iniziato nell’agosto del 1938, si rivelò di grande utilità alle SS naziste dopo l’8 settembre: esse non dovettero fare nessuna fatica per scovare gli ebrei italiani. Trovarono infatti gli elenchi delle persone da deportare nei campi di sterminio già pronti, con tanto di indirizzo. Gli ebrei deportati dall’Italia furono circa 7500. Di questi, ne sono stati identificati 6720: 5896 furono uccisi, 824 i sopravvissuti. Altri 299 perirono nella penisola. (fonti: D. Gallo, Da sudditi a cittadini – il percorso della democrazia, pag. 81-82; M. Sarfatti, La persecuzione degli ebrei in Italia, pag 103).

_____________________________________

152° Unità d’Italia, 27 gennaio 2014, Beretta Roberto Claudio

___________________________________________

 :roll: storia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>