151┬░Unit├ád’Italia iocisono

E così oggi si conclude il 150° dell’Unità d’Italia 1861-2011. Un anno che si è rivelato crocevia della storia italiana. Nato fra pericolose suggestioni e timori di disintegrazione dell’identità italiana, poi felicemente risvegliata e consolidata nei mesi da molteplici iniziative ufficiali e soprattutto da innumerabili moti spontanei, l’anno del centocinquantenario sembra concludersi con l’incubo della bancarotta e della povertà per milioni di italiani, con la fine del boom economico, foriero di interrogativi inquietanti sull’identità e sulla collocazione della nostra nazione nel mondo della competizione globalizzata e di conseguenza sulle prospettive ┬áfuture delle giovani generazioni.

┬áUn anno tuttavia che pur fra mille difficoltà ha aperto l’animo alla speranza, poiché le celebrazioni dell’anniversario e la partecipazione dei cittadini hanno finalmente, ed inaspettamente nelle forme cui abbiamo assistito, determinato il risveglio di una coscienza nazionale identitaria. Hanno creato la consapevolezza della necessità dell’impegno civile individuale quotidiano. Hanno consentito di cacciare, o quanto meno messo in mora, una classe politica dirigente e corrotta che ha violentato il paese, le sue istituzioni ed┬áha fatto perdere buona parte della credibilità internazionale con un ventennio di propaganda, di divisioni, e di pagliacciate. Hanno infine messo in luce la volontà di fare sacrifici per risalire la china al seguito di un inedito ed innovativo governo del Presidente della Repubblica. Sulla facciata delle case ora sventolano molti tricolori. Il passaggio è stretto, ma┬áunita┬áal Presidente Napolitano l’Italia ce la pu├▓ fare.

Cittadiniditalia ha puntualmente seguito molti degli avvenimenti dell’anno. Ecco di seguito alcuni┬ádegli articoli pubblicati (clicca un titolo, vedi l’elenco completo┬áin Cosi nacque cittadiniditalia). Giorgio Napolitano┬áLa casa di Ottavio Quartione Un esempio da seguire Tasse ed equità sociale Cancellato vitalizio senatori Ri(Costruire) Il programma di Monti Governo del Presidente Le dimissioni minuto per minuto Un paese senza guida Le cinque terre perdute La guerriglia oscura gli indignati Ricucire l’Italia L’Italia è una e indivisibile Giuramento e secessione Firma il referendum Un nuovo governo Il processo lungo La casta e i cittadini I rifiuti della lega I rifiuti di Napoli L’Italia s’e desta Franza o Spagna Adunata nazionale alpini Il cancro da estirpare Se ci 6 non resti solo Consumismo o parsimonia Una festa di tutti gli italiani Buona Pasqua e buon 25 aprile Don Rino 150° a Verano Brianza I referendum inesistenti Referendum acqua Per il nucleare Contro il nucleare Io vado a votare passaparola Nucleare scelta complessa Non c’è liberta senza uguaglianza La legge è uguale per tutti Referendum, al voto! Monte Quorum Quorum e quattro si 95% La volontà degli italiani Non cambia nulla 17 marzo 1861 17 marzo 2011 Io c’ero┬á150° unità d’Italia Io c’ero┬á Edizione straordinaria 2 giugno festa della repubblica┬á150 auguri di buon Natale Coccarde tricolori

Ma bando alle chiacchiere, mezzanotte si avvicina: prendete lo champagne e brindate al nuovo anno con una notizia sensazionale! Per non essere condannati all’angoscioso┬á eterno rimpianto di non avere festeggiato i 150 anni – attenzione alla maledizione del Manzoni nel suo Marzo 1821 – ecco la novità che renderà possibile ai tiepidi ed ai distratti di redimersi immediatamente, e naturalmente a coloro che invece hanno felicemente celebrato il 2011, di continuare ad essere attivamente italiani: ┬áwww.cittadiniditalia.it , unico sito in tutto il mondo, celebrerà da domani primo gennaio duemiladodici il 151° dell’Unità d’Italia! Roba da matti.

 

Buon 2012

 

Buon 151° Unità d’Italia. Io ci sono.

e per finire in bellezza (anzi per continuare cantando)

 inno di mameli in piazza grande

 

____________________________

Modena, 31 dicembre 2011, Beretta Roberto

________________________________________

< La casa di Ottavio Quartione <  > la Consulta boccia i referendum elettorali

tutti gli articoli di attualità pubblicati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>