Dipende da noi

Il professor Gustavo Zagrebelsky, presidente emerito della Corte Costituzionale, ha redatto un manifesto nella ricorrenza del decimo anno di vita di Libertà e Giustizia, associazione di cultura politica che si impegna a dare voce alla società civile ed ai cittadini che desiderano una politica dignitosa e rispettata. Il documento, “Dipende da noi -┬áDissociarsi per riconciliarsi”,┬áè condivisibile nell’analisi della situazione politica, ma assai carente ed inconcludente sul piano propositivo.┬áBene la diagnosi,┬ádebole purtroppo┬ála terapia.┬áPerchè┬ánel┬ádocumento┬ási stigmatizza le responsabilità dell’attuale classe politica, ma subito dopo┬ála si vuole nuovamente richiamare in causa per eliminare fenomeni che essa stessa ha generato,┬áe per guidare ancora un paese┬áche ha┬álargamente, e lungamente,┬ádimostrato di essere incapace di amministrare. Infatti, dopo aver tacciato di inettitudine i partiti, ricordato che nell’insieme il sistema politico e la sua classe dirigente hanno fallito, che il governo attuale è frutto di una difficile supplenza in stato di necessità del Presidente della Repubblica, che vi sono stati nella politica casi di asservimento ad interessi privati, chiusura corporativa ed autodifesa di casta, corruzione diffusa, correità, scandali e ruberie, connivenze ed omertà, che vi è un’abissale distanza fra cittadini e partiti, altresì responsabili di aver reso la politica un’attività repulsiva e di aver respinto nell’apatia le generazioni più giovani, e infine che l’auto-riforma del sistema politico è stata un’illusione, dopo queste poco incoraggianti premesse, una volta┬áprese le distanze e “dissociati” da costoro, si invoca una┬á”riconciliazione”.

E così, nel tentativo di superare la fase tecnica ed immaginare un dopo Monti, in cui la parola ritorni ai cittadini, l’appello di Libertà e Giustizia si rivolge incomprensibilmente agli stessi fautori di tante elencate sventure. Per chiedere in sostanza ai partiti: 1) di rendere pubblico il dibattito sulle riforme costituzionali e far conoscere se è in corso un tentativo di blindare il sistema politico esistente o se al contrario si intende aprirlo alla partecipazione dei cittadini, democrazia decidente contrapposta a democrazia partecipativa, 2) di fare una legge elettorale non nell’interesse dei partiti che la fanno, ma nell’interesse del cittadino che vota i suoi rappresentanti, 3) che la nuova legge elettorale preceda ogni altra riforma, 4) che un parlamento screditato non metta mano alle riforme costituzionali, 5) che in ogni caso eventuali riforme siano sottoposte a referendum popolare.

Ho già spiegato perchè gli attuali partiti non hanno alcun interesse a riformare la legge elettorale, e perché non lo faranno neanche questa volta, nonostante le recenti sbandierate aperture. La classe politica del nostro paese ha dimostrato concretamente un’ incompetenza nell’amministrare la cosa pubblica ed è una delle componenti principali cui si deve imputare┬ál’attuale disastro economico finanziario, istituzionale, sociale, valoriale, ed ambientale. L’incapacità di autocritica la tiene ancora tutta inchiodata┬áal suo posto. Nessun politico ha manifestato il desiderio di dimettersi, per vergogna o incapacità o senso di responsabilità, o almeno di annunciare che non si presenterà più alle prossime tornate elettorali ritirandosi a vita privata, in seguito ai pessimi risultati ottenuti, e a fronte dei grandi sacrifici richiesti alla popolazione. Tutti si preparano a riciclarsi, in un modo o nell’altro. Ma la professionalità e la serietà del governo tecnico ha reso manifesta e tangibile la marginalità del ruolo dell’attuale classe politica. E come ai tempi di “Mani Pulite” i cittadini hanno perso fiducia nei loro rappresentanti, e nessuno vuole più votare questi uomini politici.

Si è creato come allora un vuoto politico. Il vuoto come allora pu├▓ essere riempito, ma questa volta, confidiamo, proficuamente per il paese, solo da una nuovo soggetto estraneo alla casta. Chi ha idee, virtù morali, capacità di leadership si faccia avanti. Monti potrebbe essere uno di questi, ma molti altri nomi nuovi potrebbero mettersi a capo di liste civiche assolutamente originali. Si facciano liste elettorali di volontari della società civile che vogliono mettersi al servizio del paese, ordinati in lista secondo i voti ottenuti in elezioni primarie. Nessun parlamentare che abbia fatto più di una legislatura o abbia pendenze con la giustizia sia inserito in queste liste. Il vincitore, ricevuto l’incarico dal Capo dello Stato, ┬áscelga in completa autonomia i ministri come prevede la Costituzione. Il nuovo Parlamento┬áliberamente eletto┬ási farà carico della riforma elettorale, della riforma costituzionale e di tutte le altre riforme e┬áprovvedimenti legislativi che si renderanno via via necessari┬áper la┬ávita democratica del paese.

____________________________

151° Unità d’Italia, Modena,┬á25 Febbraio 2012, Beretta Roberto

_________________________________

tutti gli articoli di attualità

< Nuova “Mani Pulite”┬á < ┬á > Festa dell’Unità d’Italia >

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>