Il caso Sallusti – XII

XII. UN INNOCENTE CONDANNATO. Alcuni vanno dicendo che Sallusti è innocente, perché ÔÇÿDreyfus’, alias Renato Farina, si è dichiarato autore dell’articolo diffamatorio, quindi il processo è da rifare perché altrimenti si manderebbe in carcere un innocente, si commetterebbe palesemente un errore giudiziario. Ma i giudici, come facevano a identificare l’autore se non avevano elementi concreti per stabilire chi fosse il ÔÇÿDreyfus’, come spiega la nota dell’ufficio stampa della Suprema Corte ? La confessione di Dreyfus oltre a essere tardiva, è successiva alla pronuncia della sentenza. I giudici dunque non hanno commesso alcun errore giudiziario, perché attraverso i documenti processuali non era identificabile l’autore. Perché Farina ha aspettato fino 👿 alla pronuncia della sentenza per confessare? Il direttore di ÔÇÿLibero’ aveva invece gli elementi per smascherare Dreyfus e consegnarlo ai giudici. Dato che non l’ha fatto, e non ha smentito il contenuto dell’articolo, egli è diventato oggettivamente responsabile della diffamazione. Dunque non è innocente. ┬áE non era forse dovere del direttore collaborare con la giustizia e pronunciare il nome e cognome di colui che sapeva essere l’autore┬á del commento? Si pu├▓ credere ancora che non sapesse chi fosse il misterioso autore che scriveva pezzi sulla prima pagina del suo quotidiano a sua insaputa? Ma ammettiamolo pure, era così difficile per un direttore scoprirlo ? Non facendone il nome ha protetto il responsabile dell’eventuale diffamazione contenuta nello scritto, cioè ha permesso che si sottraesse alla giustizia, e ne è diventato complice; non rettificando, sia che conoscesse o sia che ignorasse l’identità di Dreyfus, egli ha confermato il contenuto del commento e ne ha assunto la responsabilità. L’accusa ai giudici di mandare in carcere un innocente è lÔÇÿennesimo esempio di distorsione deliberata della realtà dei fatti e della verità.

< XI. accanimento giudiziario <┬á┬á┬á >┬áXIII. sovranità del popolo┬á>

___________________________________

151° Unità d’Italia, 14 ottobre 2012, Beretta Roberto

______________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>