Maxima Akuna

maxima akunaIl monumento ai partigiani in Piazza Torre a Modena, sulla facciata nord della Ghirlandina, è fatto con le centinaia di foto bianco e nero formato tessera dei partigiani uccisi dai nazifascisti durante la Resistenza. Sono volti di gente comune, contadini, artigiani, commercianti, donne, adolescenti. A loro dobbiamo il bene più prezioso,  il bene essenziale, la libertà. Eppure, figli e nipoti,  distratti e irriconoscenti, disprezziamo il loro dono. Rinunciamo con viltà e supponenza perfino al voto. E ci sono nuovi invasori dentro il nostro paese, e non ce ne accorgiamo. Vinti dalle mollezze del benessere, dal qualunquismo e dalla pigrizia, nella completa indifferenza siamo derubati dei nostri beni, siamo spogliati di ogni ricchezza. Li consegniamo supini ai nuovi potenti. Stiamo tornando, inconsapevoli,  ad una condizione di servitù e di prigionia. Dove sono i valori del 25 Aprile, dove sono finiti gli eredi dei partigiani? Altri popoli vivono la stagione della libertà e della vittoria sull’invasore. I nuovi partigiani si trovano oggi in continenti lontani. Si chiamano Maxima Akuna, Berta Caceres (Perù), Edward Loure (Tanzania), Lung Ouch (Cambogia), Zuzana Caputova (Slovacchia), Luis Jorge Rivera Herrera (Puerto Rico), Destiny Watford (USA). E’ il momento di risalire sulle montagne. (r.b.)

_____________________________________________

“Maxima è una contadina peruviana, non sa leggere, non sa scrivere, ma sa lottare tenacemente e non ha paura di nulla. Con granitica determinazione ha battuto una compagnia multinazionale che voleva scavare una miniera d’oro sotto i suoi campi, il più grande giacimento dell’America latina, prosciugare il lago fonte di irrigazione delle sue terre, trasformare tutto in una discarica. Maxima ha ricevuto minacce, subìto aggressioni che hanno distrutto i suoi capanni e ucciso i suoi animali, ma non ha ceduto di un millimetro. Come una sentinella ha difeso la sua casa, la sua famiglia, la sua gente che si rifiutava di cedere le terre ad un colosso minerario che voleva costruire la più grande miniera d’oro a cielo aperto. Maxima ha difeso una vita difficile fra le montagne a quattromila metri d’altezza, e non ha permesso a nessuna di calpestarla. Dopo quattro anni di guerre in tribunale ha vinto la sua battaglia. E’ stata insignita del premio Goldman 2016 per l’ambiente, considerato il Nobel dell’ecologia”.  (dal TG3 del 20 aprile)

 ____________________________

Berta Caceres aveva ricevuto nel 2015 lo stesso riconoscimento, per aver promosso una campagna di protesta contro un grande costruttore di impianti idroelettrici. E’ stata uccisa pochi giorni fa, il 6 marzo.

____________________________________

155° Unità d’Italia, 25 aprile 2016, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>