La legge è uguale per tutti

Sala_di_costantino,_giustizia

Art. 3 della Costituzione della Repubblica Italiana – Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. […]

Alcuni anni sono passati nella fattoria degli animali dal giorno della ribellione agli uomini, della cacciata di Jones il padrone, della conquista per gli animali della libertà. La memoria di quegli avvenimenti gloriosi sta scomparendo come il paesaggio nella bruma. Pochi sono gli animali sopravvissuti, che ne hanno conservato vivido il ricordo. Clover la cavalla da tiro, Benjamin l’ asino, Moses il corvo, ed i maiali Napoleone, che ha assunto la guida della fattoria per la sua forza di carattere, e Squealer la cui abilità nel parlare e nel tacitare con l’ eloquio ogni germoglio di opposizione è tale che si dice sappia mutare il nero in bianco. I due maiali sono diventati enormi e grassi. Dopo la cacciata degli uomini il benessere sperato non si è realizzato. La vita per gli animali è rimasta dura, e Benjamin, che non si è mai fatto illusioni, ricorda che l’ esistenza mai era stata nè poteva essere diversa per loro, fame, fatica, delusioni, essendo le leggi immutabili della vita degli animali stessi. Solo i maiali hanno tratto beneficio dalla rivoluzione, ed i cani, che sostengono ed assicurano con la forza ed il terrore la loro posizione di potere. Si sono impossessati del comando, hanno eliminato gli avversari prima fisicamente soffocando ogni opposizione con il sangue, poi calunniandone la memoria. Si sono arricchiti e vivono nell’agio, nell’ozio, nei vizi, a spese di tutti gli altri animali e senza che questi ne abbiano reale consapevolezza. Le nuove generazioni di animali non hanno vissuto la ribellione, o ne hanno solo sentito parlare dai vecchi, e in ogni caso non si dimostrano interessati, non prendono coscienza della loro condizione. I nuovi cavalli ad esempio sono grandi lavoratori, ma sono stupidi, lenti nell’ imparare, nella conoscenza dell’ alfabeto non sanno andare oltre la lettera “B”. Clover ha un bel da fare a spiegare ai giovani puledri l’ epopea della ribellione: gli animali ascoltano certamente, ma come inebetiti c’ è da dubitare che realmente capiscano qualcosa. I maiali hanno di fatto il monopolio dell’ informazione. La loro propaganda, fatta di cifre, di dati, di rapporti, dimostra incontestabilmente che le cose nella fattoria vano di bene in meglio, e ciò grazie al lavoro infaticabile dei maiali, che si preoccupano ed operano infaticabilmente per il benessere ed il progresso degli altri animali. I quali per essere felici, così recita la loro propaganda, devono lavorare sodo ed accontentarsi di una vita frugale. Ma in effetti i maiali sono gli unici nella fattoria che non producono beni. Sono a tutti gli effetti dei parassiti.

libera sintesi di: George Orwell, Animal Farm (1945)

Modena, 10 Giugno 2011

Beretta Roberto

________________

Continua in : Non c’è libertà senza uguaglianza

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>