Il caso Cancellieri-Ligresti

I politici hanno perso un’altra buona occasione per sintonizzarsi con i cittadini. Invece, rinnovando la fiducia al ministro della giustizia, hanno scavato ulteriormente il fossato che ci divide. ┬áRisulta ormai evidente che in Italia occupa le istituzioni un’oligarchia chiusa, spesso contigua con il malaffare o le lobbies di potere, che agisce per sostenere i propri traffici e perpetuare sé stessa, piuttosto che servire lo Stato e pensare al bene dei cittadini. Questi i fatti. Un guardasigilli che vanta l’amicizia con la compagna di un pregiudicato per corruzione – le sue figlie arrestate in luglio nell’ambito di un inchiesta su falso in bilancio (600 milioni), un figlio diventato cittadino svizzero venti giorni prima evita l’arresto in extremis – questo guardasigilli dunque si mette a disposizione dell’amica, promette “qualsiasi cosa”, giudica “non giusto” l’arresto di una figlia (ex) anoressica, telefona ai magistrati per sensibilizzarli al problema. A difesa del suo operato, in Parlamento, afferma che hanno prevalso i sentimenti sul distacco istituzionale. Offre una generica “disponibilità al passo indietro” (giro di parole per dimissioni). Letta e la maggioranza le rinnovano la fiducia.

😯 Ora, non sa il guardasigilli che il ministro della giustizia è messo lì per garantire che la legge sia uguale per tutti e per far funzionare e migliorare la giustizia, e non invece per mettersi a disposizione dei familiari degli amici? Non capisce il ministro di aver delegittimato l’opera della magistratura con quel “non è giusto … qualsiasi cosa”, adesso ci penso io? Di aver fatto nascere nell’opinione pubblica il sospetto di avere intrallazzi coi Ligresti? Non percepisce, poichè non si è dimessa, che la sua carica è ora completamente nelle mani di coloro che gli hanno rinnovato la fiducia, che ha perso la sua indipendenza, che è diventata un burattino nelle mani di altri più potenti, che prima o poi le chiederanno il conto, e che il ministro non potrà rifiutare? Non la sfiora il pensiero che il suo interessamento per la figlia di un’amica, dalla posizione di potere conferitagli dalla prestigiosa carica, oltre che ricordarci l’altra famosa telefonata fatta in favore della nipote di Mubarak, ci ha impietosamente sbattuto sotto gli occhi, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che in Italia conta molto (o solo) essere amico di qualcuno? Non si rende conto di aver dato un’altra picconata alla credibilità delle istituzioni, e infine di aver varcato il Rubicone passando a pieno titolo agli occhi nostri nei territori del palazzo?

_________________________

152° Unità d’Italia, 8 novembre 2013, Beretta Roberto Claudio

___________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>