Nascita del tricolore

fonte: www.quirinale.it

MILANO, PIAZZA DEL DUOMO, 6 novembre 1796. La storia della nostra bandiera comincia il 6 novembre 1796 in piazza del Duomo a Milano. La Legione Lombarda, un corpo militare costituito da volontari formatosi sotto il controllo dei francesi, è schierata a ranghi completi nella piazza. In alto, fra i bianchi pinnacoli, brilla la Madonnina, da pochi anni posta sulla guglia maggiore del duomo. Sei coorti di fanteria, una batteria di artiglieria su quattro pezzi, un battaglione di zappatori del genio e una compagnia di Cacciatori a cavallo. Ad eccezione di quest’ultima compagnia, tutti i reparti della Legione hanno un insegna verde bianco rossa.In assetto di guerra, al seguito delle truppe francesi nella prima campagna d’Italia di Napoleone Bonaparte, i volontari italiani partono alla volta del Veneto. Qualche giorno dopo, sul ponte di ┬áArcole, presso Verona, i francesi sconfiggono gli austriaci impedendo la liberazione di Mantova. La Legione Lombarda è lì, con il suo vessillo tricolore. Per questo motivo, per essere stata presente con reparti italiani ad Arcole, testimone di una forza militare interamente italiana, il Congresso della Repubblica Cispadana, riunitosi a Reggio Emilia, il 7 gennaio del 1797 adotta quella bandiera come vessillo della Repubblica. La bandiera verde bianco rossa cambia così il proprio status: da insegna di reparti militari diventa bandiera di Stato. (1, continua)

________________________________

152° Unità d’Italia, 7 gennaio 2014, Beretta Roberto Claudio

_______________________________________________________

 :roll: RISORGIMENTO

 

(fonte: tratto da una pubblicazione edita nel 2011 dal comune di Zinasco (PV), del prof. Marziano Brignoli (già direttore del Museo del Risorgimento di Milano e autore di vari trattati sul Risorgimento), cui hanno collaborato Walter Secco e Cosimo Prototipo, bibliografia disponibile in appendice dell’opuscolo)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>