(Ri)Costruire

Superata la difficile fase della caduta del precedente governo senza significativi scontri sociali ed istituzionali, grazie alla maturità dimostrata dai cittadini, e perché negarlo, anche al senso di responsabilità offerto dai partiti, ed in particolare il maggiore per forza numerica, superata l’altrettanto insidiosa prova della gestazione e della nascita del governo Monti (chi mai avrebbe scommesso quest’estate quando si cominci├▓ a parlarne) grazie al contribuito determinante del Presidente Napolitano, comportatosi da vero statista, inizia ora l’arduo cimento dell’azione di governo. Già qualche cavallo di frisia e del filo spinato è stato posizionato per ostacolarne la corsa in terreno aperto (conflitto di interessi, governo dei banchieri, minacce di distacco della spina, limitazioni di durata, democrazia sospesa, mossettine da campagna elettorale già iniziata) tuttavia qualche passo avanti importantissimo in questo breve tempo è già stato compiuto.┬á

Si tratta di questo.

1) Non ci sono politici nella compagine governativa, ma solo professori e tecnici, e nonostante ci├▓ il governo ha ottenuto una fiducia record in entrambi i rami del┬á Parlamento, quasi il doppio del precedente gabinetto, ci├▓ significa che i partiti di governo hanno (parzialmente) riconosciuto le loro responsabilità in questa crisi, e tutti, compresi cioè quelli di opposizione, hanno capito di non essere all’altezza del compito e di┬á aver un disperato bisogno di un governo efficiente che salvi l’Italia dal fallimento;

2) si è instaurato un favorevole clima di tregua e di riconciliazione fra gli opposti schieramenti politici di cui il paese pu├▓ solo trarre beneficio: la maggioranza trasversale che si è ritrovata nel votare la fiducia al governo, ulteriore merito del Presidente della Repubblica, consentendo la ripresa del dialogo, pu├▓ dare inizio ad una nuova fase politica in cui maggioranza ed opposizione si confrontano sui problemi concreti, trovando soluzioni appropriate nell’interesse nazionale, e non della minor parte che rappresentano – a questo proposito sono consolanti e costituiscono un vero balsamo per gli scoraggiati cittadini italiani le immagini di rappresentanti degli opposti schieramenti che li ritraggono nell’ incontrarsi, discutere serenamente, stringere le mani, sorridere, suggerire la lettura dei libri: è come se per la prima volta si accorgessero di non essere avversari ma alleati alle prese con una difficile sfida;

3) sul piano internazionale la credibilità dell’Italia garantita da una figura di alto profilo, è già in risalita nell’approvazione delle cancellerie, nella riduzione dello spread sotto i 500 punti (ma su questa interpretazione è necessaria molta cautela), nell’annuncio che l’Italia siederà nuovamente al tavolo con le maggiori potenze europee impegnate nel tentativo di governare la grave crisi economico-finanziaria, come gli compete per storia, tradizione e forza economica, andando a costituire la nuova trojca Merkel-Sarkozy-Monti;

4) si ragiona pacatamente in questi giorni sulle misure anche dolorose che ci aspettano perché non bisogna dimenticare che il debito c’è e bisogna pagarlo;

5) il professor Monti dimostra anche di aver una discreta autorevolezza nel controllare le rissose forze politiche; 5) è diminuito il┬á numero dei ministri;

6) sono scomparsi quei ministeri creati ad immagine e somiglianza della lega nord per realizzare la sua ragione sociale (la secessione camuffata o preparata con la panzana del federalismo), e precisamente non hanno visto la luce il ministero delle riforme per l’attuazione del federalismo (bossi),┬á e quello della semplificazione normativa (calderoli), inoltre il ministero dei Rapporti con le Regioni e per la Coesione territoriale (Fitto) perde il “rapporto con le regioni” mantenendo la “coesione territoriale”: nel 150° dell’Unità d’Italia è necessario consolidare l’unità nazionale a discapito delle spinte centrifughe territoriali. Sembra di scoprire l’acqua calda.

Grandi sono le aspettative, sicuramente eccessive, non dimentichiamo che il raggio d’azione è intrinsecamente limitato dal fatto che tale governo non è uscito dalle urne, che è sostenuto da un’inedita e geneticamente impossibile alleanza, che i responsabili del disastro siedono ancora in Parlamento e non hanno fatto pubblica ammenda degli errori, che si dovrà restare all’emergenza ma, come spesso vogliono essere i sogni, si avverte fra la gente un sentimento di sollievo ed un clima di serenità, di operosità e di fiduciosa aspettativa, di speranza.

Del resto, si poteva fare diversamente ? Perfino il conduttore del caminetto televisivo sulle colonne del quotidiano cui spesso affida il suo pensiero, riconosce┬áche a gennaio il vincitore delle elezioni si sarebbe┬ámesso “al timone di un paese distrutto”.

E’ venuto il tempo di (ri)costruire.

Dobbiamo avere fiducia. Il neopresidente del Consiglio dei Ministri ha chiaramente stigmatizzato┬áil motivo per cui i partiti non gli possono dire di no: “Vi chiedo una fiducia vigilante, non cieca. Ma se noi faremo un buon lavoro, prima di toglierci la fiducia dovrete tener conto di quali conseguenze ci saranno sulla fiducia dei cittadini in voi” (Monti, dal discorso pronunciato ieri alla Camera dei Deputati).

__________________________________________

Modena, 19 novembre 2011, Beretta Roberto

________________________________________

 

articoli correlati: Il programma di Monti, Le dimissioni minuto per minuto, Il governo del Presidente, Un paese senza guida,┬áUn nuovo governo, L’Italia è una e indivisibile, Ricucire l’Italia

 

Tutti gli articoli di attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>