Se ci 6 non resti solo

Sono scesi in piazza quest’oggi in decine di città italiane, i lavoratori del sindacato Cgil, per lo sciopero generale indetto a difesa del lavoro, dei diritti e delle tutele dei lavoratori, per rilanciare l’ occupazione attraverso l’ occupazione e la crescita, per la difesa dei redditi. A Modena due cortei provenienti dal piazzale della Maserati e dalla prefettura hanno attraversato ordinatamente le vie del centro storico, confluendo infine da Corso Canal Chiaro e corso Duomo su piazza Grande, gremita di migliaia di lavoratori del pubblico impiego, della ceramica, della meccanica ed altri comparti.

Un caldo sole di maggio ed una leggera brezza hanno deliziato i cittadini raccolti pacificamente nella piazza fra un tripudio di bandiere del sindacato, di tricolori, di simboli dei promotori il referendum sull’ acqua. Lotta alla precarizzazione del lavoro, sostegno del lavoro giovanile e femminile, rinnovo dei contratti e rifiuto dei contratti separati, costruzione di un sistema adeguato di ammortizzatori sociali, difesa del Welfare, investimenti nella ricerca e nell’ innovazione industriale con particolare privilegio alle ecotecnologie, sostegno alla scuola ed alla Università, difesa della cultura, difesa del diritto ai referendum come espressione di cittadinanza partecipata, ridistribuzione del reddito attraverso un sistema fiscale più sensibile al lavoro dipendente ed alle classi lavoratrici, sono stati questi i principali temi trattati dagli oratori che si sono succeduti sulla tribuna, chiusa dal segretario organizzativo Cgil nazionale Enrico Panini. A conclusione della manifestazione concerto di Cisco a tutto volume.

Modena, 6 maggio 2011

Beretta Roberto

_____________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>