Hollande & Matteo

Ci voleva il presidente francese accompagnato dal nostro valoroso premier per trasformare un deposito di lamiere a cielo aperto ed in cronico divieto di sosta nonchè fermata, una landa anarchica trascurata dalla polizia municipale in sonno eterno, uno spazio caotico e rumoroso, in una città dal volto e voci umane, vivibile pedonale ciclabile silenziosa ordinata pulita sicura (uno stuolo di esperti e operai hanno controllato pure i tombini e le buche nel selciato, gli insetti mangiarifiuti dell’Hera spazzano incessantemente dall’alba). Vabbeh, presidiata da carabinieri e polizia, e sotto l’occhio vigile di vigili e quant’altro (brutta locuzione ma assai di moda), ma che importa? holland & matteoTale è diventata Modena per l’effimero spazio di un giorno, ovviamente limitatamente al previsto percorso e dintorni dei due transeunti potenti, ospiti di un ristorante chic molto conosciuto della città. Grazie Hollande! Bravo Matteo, finalmente qualcosa di sinistra ! E venite qui più spesso ! Ristoranti con cucina emiliana, magari non vip, ma dove, credeteci, si mangia molto bene, altro che briciole ed avanzi, ve li troviamo facilmente: ce ne sono a bizzeffe. (P.S. La foto sa un pò di deserto, ma trovane uno alla mezza che non abbia le gambe sotto il tavolo!

___________________________

154° Unità d’Italia, 17 settembre 2015, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>