Il proclama rivoluzionario

“Cittadini. E’ tempo di porre un termine alla sfrenata tirannide di Ferdinando secondo. A voi basta volerlo. L’odio contro di lui è universalmente inteso. L’esercito è con noi. La capitale aspetta dalle provincie il segnale della ribellione per troncare in un colpo solo la questione. Per noi il governo di Ferdinando ha cessato d’esistere; ancora un passo ed avremo il trionfo; facciamo massa, corriamo dove i fratelli ci aspettano. Su dunque: chiunque è atto a portare le armi ci segua. Chi non è abbastanza forte per seguirci, ci consegni l’arma. Noi abbiamo lasciato famiglia ed agi di vita per gettarci in una intrapresa che darà il segnale della rivoluzione, e voi ci guardate freddamente, come se la causa non fosse la vostra? Vergogna a chi potendo combattere non si unisca a noi; infamia a quei vili che nascondono le armi piuttosto che consegnarcele. Su dunque, cittadini cercate le armi nel paese e seguiteci. La vittoria non sarà dubbia. Il vostro esempio sarà seguito dai paesi vicini, il nostro numero crescerà ogni giorno ed in breve tempo saremo un esercito. Viva l’Italia.”

Il generale Pisacane arringava la piccola folla soffermandosi a guardare negli occhi quei vinti uno per uno. Nel silenzio che si era creato, le sue parole scuotevano le loro semplici intelligenze, facendo rimbombare i cuori nei petti. Secoli di oppressione, di povertà, di sottomissione, di onerosi balzelli, di angherie, si erano coagulati in questo magnifico giorno di festa, in quest’umile paese, in questa piazza angusta, ed essi percepivano forse, confusamente, che la Storia aveva scelto loro, rozzi contadini ed artigiani analfabeti, per iniziare un suo nuovo corso, che passava sì attraverso la ribellione, ma verso un futuro di libertà per le masse, di giustizia sociale, di ricchezza. Ognuno sente di essere chiamato, bisogna rispondere, passare all’azione imbracciando le armi. L’occasione tanto attesa ed invocata, la speranza di cacciare Ferdinando insorgendo, di ribassare le tasse per il vantaggio dei meno abbienti, è giunta, qui, adesso, a Torraca. E dove sono quei quattro liberali che la polizia borbonica sorveglia, dove si sono barricati, o sono forse già fuggiti per paura e codardia? Perché indugiano, perché non si fanno avanti a trascinare il popolo gettandosi nell’impresa, dove sono le armi?┬á Pisacane li ha chiamati vili ed infami. Nella piazza nessuno si muove. Le grida di entusiasmo con cui hanno accolto poco fa gli insorti, hanno lasciato il campo ad imbarazzati silenzi, ad abbozzi di giustificazione, ad una sospesa prefigurazione di una fuga imminente. Già qualcuno in fondo al gruppo lentamente si allontana. I più giurano di non avere alcun fucile, pregano e scongiurano i capi di venire alle loro case perché esperimentino di persona che questa è la pura e semplice verità. Il gruppo, in compagnia dei rivoluzionari, si disperde in rivoli per i vicoli del borgo, che con mille nascondigli favorisce altre fughe. Senza alcun risultato i capi discutono con i più animosi e gli indecisi. Uno sguardo alle imprese della masnada degli evasi persuade costoro ad abbandonare ogni residuo ardore. Infatti alcuni dei detenuti, introdottosi nelle case col pretesto di requisire le armi, derubano il denaro e i pochi oggetti di valore. La scintilla rivoluzionaria è soffocata. Niente armi, niente volontari, nessuna rivoluzione, nessun segnale dalle provincie alla capitale. Intanto l’ora fugge. Ogni indugio è fatale. E’ necessario rimettersi subito in marcia sui monti. Alla volta del Fortino.

> fine del 16° episodio <

< Torraca <   > Cioffi il tavernaro >

 :roll: la spedizione di Sapri

____________________

151° Unità d’Italia, Modena 18 ottobre 2012, Beretta Roberto

_______________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>