Solo con le lacrime si vede

Interrogato su cosa ne pensa della libertà di satira, il papa risponde che non bisogna sorprendersi se egli colpirà con un pugno colui che avrà offeso sua madre (del papa) con una parolaccia (fuor di metafora, si parla della Chiesa e delle offese alla religione, tema tanto attuale).┬áAd un ex-bambino di strada abituato a cercare avanzi di cibo nelle pattumiere e dormire sul marciapiede, testimone di coetanei che fumavano marjuana e respiravano colla, taluni ammaestrati dagli adulti a rubare ed uccidere;┬áe ad una ex-bambina di strada che scoppia in lacrime chiedendogli perché i bambini soffrono e perché Dio permette che essi siano vittime della droga e della prostituzione, abbracciandoli e piangendo Francesco annuncia davanti ad una folla di sette milioni (!) di persone radunata a Manila nonchè al mondo intero di non avere una risposta a questa domanda, e che solo nel silenzio o nel pianto si potrebbe trovare.┬áA chi era rimasto all’evangelico ingenuo “porgi l’altra guancia”, o si era convinto della non esistenza di Dio anche a motivo dell’ inspiegabilità della tangibile esistenza del Male, 😯 Papa Francesco ha teso una bella trappola: scendendo dalla cattedra e mettendo da parte la fede, ha voluto condividere il dubbio che tormenta ogni uomo, credente o non credente, ha voluto rispondere ad una domanda senza risposta dando la risposta che tutti conosciamo da sempre.┬áE così facendo, il rappresentante di Cristo in terra è sceso dal cielo e si è fatto uomo. Incontestabilmente umano è infatti il pugno che risponde agli insulti, umano è lo stupore espresso per offese disumane, umano è il pianto, umano il non riuscire a comprendere un Dio che dovrebbe vedere ma che qualche volta per non dire spesso sembra guardare dall’altra parte.

Solo attraverso le lacrime è possibile vedere:

The answer is no more blowing in the wind.

___________________________________

153° Unità d’Italia, 19 gennaio 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>