L’italia migliore

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è intervenuto ieri pomeriggio agli stati generali del volontariato della Protezione Civile, all’Università di Roma. Nel suo discorso, egli ha pronunciato parole forti, taglienti, come nel suo stile, soprattutto nei momenti di pericolo per il paese. Parole di condanna e di ammonimento per le forze negative del paese, speculazione ed evasione, e di plauso ed incoraggiamento per quelle positive, volontariato ed impegno civile. Parafrasando brevemente le sue parole, il nostro presidente ha detto che i volontari della protezione civile sono degni
di elogio e rappresentano un’Italia speciale, l’Italia migliore, quella della solidarietà e dell’impegno civile. Ma con esse, nel paese, ci sono forze opposte ed asociali. Accanto a questi comportamenti virtuosi si manifestano logiche particolaristiche, asociali, di disprezzo totale del bene comune, di cieco calcolo individuale. Logiche di speculazione che calpestano la tutela del territorio ed il patrimonio storico. Logiche irresponsabili di rifiuto del dovere fiscale. L’Italia della speculazione e degli evasori fiscali. Questi comportamenti devianti, per quanto diffusi, non meritano di essere associati al nome dell’Italia. Conclude il Presidente della Repubblica con ┬ál’appello che prevalga l’Italia migliore, che consenta al paese di superare la grave crisi che viviamo. Raccolga l’invito del suo presidente ogni cittadino che ama questo paese, in un momento storico decisivo per la sua sopravvivenza. Prendiamo coscienza del pericolo che incombe. Smettiamo il lamento esiziale e la critica afinalistica, diventiamo volontari, nel campo in cui meglio si esprime la personale inclinazione , impegniamoci nella vita civile al fine di promuovere esclusivamente il bene comune.

______________________

151° Unità d’Italia, Modema, 14 aprile 2012, Beretta Roberto

___________________________________________________

< Cittadinditalia anno primo <  > speciale 25 aprile 2012 >

tutti gli articoli di attualità pubblicati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>