Il conte di Cavour – III

S. – Sei preoccupato papà?

P. – Sì; le istituzioni sono svilite ed offese; i continui attacchi alle supreme cariche dello Stato, al Presidente della repubblica, ai giudici della Corte costituzionale, e poi alla magistratura, alla scuola, alla sanità, allontanano i cittadini dalla vita politica ed annientano il rispetto che devono all’autorità; i tagli di denaro alle amministrazioni dello stato – comuni, tribunali, scuole, università, ospedali, polizia, teatri, cinema – cancellano i servizi sociali per le fasce più deboli, paralizzano i processi , mettono a repentaglio la sicurezza dei cittadini,
annullano la ricerca, frustrano gli insegnanti, gli operatori della sanità, i giudici, i poliziotti; la cultura è derisa, il patrimonio artistico destinato a scomparire nell’indifferenza di tutti; l’ambiente saccheggiato e devastato, il bel paese che fu una tempo l’Italia sfregiato dall’incuria; non c’è più solidarietà fra i cittadini, che vivono incerti e senza identità comune; solo il denaro conta ed il successo, da ottenere con ogni mezzo,con la raccomandazione e la prostituzione; è difficile trovare lavoro, la disoccupazione colpisce soprattutto i giovani , non esiste una qualsiasi politica industriale degna di questo nome o di sostegno dell’agricoltura o di sviluppo del turismo o di difesa dell’ambiente, e per il dispregio in cui sono tenuti i diritti dei lavoratori ed i lavoratori stessi, ormai cinesizzati. I giovani hanno un futuro incerto. Ed io sono preoccupato per te figlia mia e vorrei effettivamente fare qualcosa per cambiare ma mi sento tanto piccolo ed impotente.

S. – Non disperarti papà, bisogna individuare il problema, analizzarlo e trovare una soluzione.

P. – Ti sembra facile!

S. – Vedi, con il passare degli anni ti sei un po’ anchilosato e rassegnato; diciamo che ti si è spento lo spirito di iniziativa. Io però ho qualche anno meno di te, ho coraggio ed entusiasmo, e qualche mezza idea ce l’avrei sul cosa e come fare …

P. – Sentiamo, largo ai giovani!

S. – Bene, però mi devi promettere di starmi a sentire e di non fare il criticone o il matusa, altrimenti non issiamo neanche le vele per uscire da queste secche!

P. – Veramente mi sembrano dei gorghi spaventosi. Ma, basta con le chiacchiere. Prometto.

_______________________________

Modena, 9 novembre 2011, Roberto Beretta

___________________________________

dialogo sulla democrazia home page

< decadenza dei rappresentanti <  > due mandati >

__________________________________

Il conte di Cavour continua il 16 novembre

S. – Tanto per cominciare, bisogna limitare la durata delle cariche pubbliche elettive.

______________________________________

 

____________________________________________________

Per lasciare spazio alla bella mostra dell’ ANCRS di Verano Brianza, mercoledì scorso l’episodio de Il conte di Cavour, non è stato pubblicato, contrariamente a quanto annunciato. Chiedo scusa ai lettori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>