Il piano Marshall

piano_marshallE’ il piano di aiuti economici americani destinati ai paesi europei al fine di sostenerne economicamente e politicamente i regimi democratici e favorirne lo sviluppo integrato. Marshall dirà che l’ adesione al piano è volontaria e i singoli paesi hanno il diritto di non parteciparvi o di ritirarsi: se quindi scelgono mediante libere elezioni un partito che si è espresso contro il programma di aiuti, “tale atto può essere considerato solo come il desiderio di dissociarsi dal programma”. Gli americani saldano il rapporto con il partito democristiano dando l’ appoggio al quarto governo De Gasperi. Nei primi mesi dell’ anno sono già arrivati milioni di dollari, difficile rinunciare al piano per un paese in ginocchio appena uscito sconfitto dalla terribile guerra. L’ adesione al piano Marshall diventa un cavallo di battaglia della propaganda politica democristiana. Il “Treno dell’ amicizia” che distribuisce gli aiuti offerti dal popolo americano è accolto nelle stazioni ferroviarie imbandierate, da centinaia di persone in festa e dalle autorità politiche. A nulla valgono i timidi e tardivi tentativi del fronte con le dichiarazioni a non voler rinunciare agli aiuti americani in caso di vittoria. Ben più lapidario e conclusivo, nel suo richiamarsi al quotidiano, lo slogan: “Coi discorsi di Togliatti non si condisce la pastasciutta”.

fine capitolo dieci

  :roll:  Le elezioni del 1948

___________________________

151° Unità d’Italia, Modena 28 maggio 2012, Beretta Roberto

_________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>