Alluvionati a Bastiglia

LA BANCA DEL TEMPO CON GLI ALLUVIONATI

Piccolo grande gesto di solidarietà della Banca del Tempo di Modena verso gli alluvionati. Alcuni soci della banca, di buon mattino, lasciate mogli e (soprattutto) mariti con adeguate scorte di viveri, equipaggiati con calzature cappelli guanti, look fantozziano, superati gli ostacoli di una bassa trasformata in laguna, 😛 si sono ritrovati a casa di Luca, a Bastiglia, per dare una mano a sgomberare mobili, evacuare acqua, allontanare fango, raccogliere oggetti rivestiti di limo, spingere, spostare, lavare, pulire. Hanno lavorato a fianco dei volontari della protezione civile: un ragazzone erculeo e simpatico dai capelli a coda di cavallo, uno uomo inviluppato in guanti di gomma ascellari e tuta impermeabile bianca con cappuccio che lasciava intravedere un casco giallo ed un viso rubicondo, un terzo in divisa gialla e blu, più anziano e minuto, che cercava di coordinare le operazioni di evacuazione dell’acqua dai pavimenti, ma con poco seguito. Erano venuti dal Friuli Venezia Giulia, il giorno dopo il cedimento dell’argine del Secchia, insieme ad altre centinaia di italiani, chissà da quale parte d’ Italia, volontari di una Protezione Civile a corto di quattrini. Entri in punta di piedi perchè ti sembra di violare l’intimità del focolare, qui c’è stata una tragedia, rischi di essere solo spettatore intruso ed estraneo. Rompiamo il ghiaccio trasportando fianchi di mobili fatti passare attraverso una finestra. Tutti i famigliari di Luca si sono rimboccate le maniche, i ragazzi/e, sua moglie, i nonni. Gesti lenti ed armonici, poche parole, obiettivo chiaro, nessuna tensione, una pausa con un bicchiere di vino bianco, il racconto dei pochi attimi in cui devi decidere se allontanarti e metterti in salvo o salvare qualcosa, e che cosa, mentre la piena sale, fino a un metro e ancora più in alto, a coprire tutto. Sentimenti in bilico fra rabbia e stupore, fra il desiderio di conservare oggetti domestici cari sfigurati dal fango con la speranza di poterli riparare restaurare, e il decisionismo pragmatico della nonna che vuole buttar via tutto, quasi per voler cancellare l’alluvione, eliminando le cose che la ricordano tangibilmente. E’ ora di partire. Suppellettili ed elettrodomestici per strada, mezzi della protezione, altre comunità familiari, gli specchi d’acqua, una giornata di sole, il cielo azzurro, un grazie detto di cuore, una stretta di mano, un arrivederci per una futura grigliata, quando l’acqua sarà solo un ricordo lontano di una battaglia vinta insieme.

_____________________

152° Unità d’Italia, 25 gennaio 2014, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>