Come sopravvivere al caldo

Credo di fare cosa utile ricordando alcune semplici norme per affrontare la calura estiva (oltre che sperare nei temporali). Quando fa caldo, il nostro organismo mantiene la temperatura corporea costante disperdendo il calore corporeo attraverso la sudorazione. Il prezzo che paghiamo è in termini di perdita di acqua e sali minerali. Per restare in forma dobbiamo perci├▓ da una parte reintegrare liquidi e sali, dall’altra cercare di evitare tutte le situazioni che favoriscono il riscaldamento corporeo, l’ esposizione in ambienti surriscaldati, l’ esposizione diretta al sole, l’attività fisica intensa, pasti abbondanti e cibi di difficile digestione. Ecco dunque in sintesi come fare.

(dr. Roberto Claudio Beretta).

😛 1. bevete molta acqua (almeno dieci bicchieri al giorno), a temperatura ambiente, anche se non avete sete, questo vale soprattutto per gli anziani, nei quali lo stimolo della sete è ridotto; evitate le bevande ghiacciate, gasate, o troppo ricche di zuccheri, caffè, tè, bevande contenenti caffeina, niente alcolici; per l’anziano non sono indicate le bevande e gli integratori di sali minerali destinate agli sportivi;

2. consumate pasti leggeri e frequenti, masticate a lungo, scegliete cibi ricchi di acqua e sali minerali come frutta, verdure crude, minestre non troppo calde, pasta; preferite il pesce alla carne, scegliete formaggi freschi, no a quelli stagionati;  evitate cibi grassi, fritti, piccanti, piatti elaborati, alimenti ricchi di zuccheri (dolci, cioccolato, caramelle, etc.), il gelato può andar bene, ma sceglietelo alla frutta;

3. nelle ore più calde della giornata riducete l’attività fisica;

4. trascorrete le ore più calde della giornata nella stanza più fresca della casa;

5. chiudete le finestre esposte al sole nelle ore diurne, apritele durante la notte (attenzione ai ladri);

6. se avete acceso il condizionatore , non create sbalzi di temperatura troppo elevati (non più di 5-6 gradi);

7.  sono di grande aiuto bagni, docce, per le persone allettate spugnature;

8. usate vestiti di colore chiaro, di cotone o di lino; attenzione agli anziani, che hanno la tendenza a coprirsi troppo;

9. non esponetevi al sole e non uscite all’aperto nelle ore più calde della giornata (dalle 11 alle 18);

10. quando siete all’aperto coprite il capo con un cappello a tese, usate occhiali da sole; proteggete la cute con creme solari protettive;

11. evitate lunghi viaggi in automobile o in pullman (se non dotati di aria condizionata) nelle ore più calde, se ci├▓ non è possibile, effettuate ripetute soste all’ombra, portate adeguata scorta d’acqua;

12. non sospendete i farmaci che assumete in cronico, prima di aver consultato il medico; a proposito, attenzione alla conservazione dei farmaci, che non devono essere esposti a fonti di calore o a temperature elevate o ai raggi solari, controllate in ogni caso il foglio illustrativo se vi sono riportate temperature di conservazione;

13. se insorgono problemi di salute rivolgetevi al medico di medicina generale o, in sua assenza, al medico di continuità assistenziale (guardia medica), o infine al Pronto Soccorso;

14. particolare attenzione va posto ad alcuni gruppi a rischio: bambini piccoli, soggetti affetti da disturbi mentali, disabili, anziani, cardiopatici, broncopneumopatici, persone affette da pluripatologie, allettati, persone sole, persone che svolgono attività fisiche all’aperto o in ambienti surriscaldati; in tutti questi casi è opportuno consultare il vostro medico di famiglia per individuare la migliore strategia per affrontare il caldo estivo.

___________________________________

152° Unità d’Italia, 8 agosto 2013, dr. Beretta Roberto Claudio,

_______________________________________________

indice attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>