Salviamo le edicole

Una cooperativa della grande distribuzione, operante nelle provincie di Modena e Ferrara, ha intenzione di aprire entro la fine dell’anno in quarantasette (47) supermercati, altrettanti “reparti” atti alla vendita di quotidiani e periodici. Gli edicolanti, allarmati da tutto cio’ hanno deciso, in collaborazione con SINAGI-cgil (il sindacato degli edicolanti che in provincia di Modena rappresenta l’80% delle 330 edicole), di raccogliere firme per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica a riguardo. La prima liberalizzazione della vendita di riviste, a titolo sperimentale, risale a dieci anni fa. Il decreto legislativo 170 dell’aprile 2001 introduceva, accanto ai punti di vendita esclusivi, tenuti alla vendita di quotidiani e periodici (in sostanza le edicole), altri punti di vendita, non esclusivi, che, in aggiunta al commercio di altre merci, erano autorizzati alla vendita di quotidiani e periodici.┬á 👿 A contrappeso, il decreto stabiliva la pianificazione comunale delle edicole in base alla popolazione residente e, punto altrettanto importante, in accordo con le associazioni di categoria. A dieci anni distanza, nel 2011, arriva il decreto “Salva Italia” del governo Monti, che si innesta sulla precedente legislazione inserendo alcune modifiche – in particolare la possibilità di effettuare sconti – che favoriscono chiaramente la grande distribuzione nella vendita di prodotti editoriali. All’incertezza della legislazione si sono aggiunte alcune sentenze del TAR, le quali riconoscono che l’attività di vendita editoriale non sia più soggetta a limitazioni autorizzative, e che con una semplice “Segnalazione Certificata di Inizio Attività” (SCIA), si possano vendere prodotti editoriali, superando evidentemente ogni pianificazione comunale ed ogni controllo delle associazioni di categoria. I comuni sarebbero privati di qualsiasi potere di regolamentazione e di programmazione del posizionamento delle edicole, meri ratificatori di scelte prese altrove, che influenzano una tessera, piccola ma significativa, della vita cittadina. Gli effetti che si produrranno sulla categoria degli edicolanti, sono disastrosi, e non solo per gli operatori che si trovano nelle immediate vicinanze di super ed ipermercati.La sperequazione degli obblighi, e la concorrenza sleale conseguente, risiede anche (e soprattutto) nel fatto che i supermercati, essendo classificati come rivendite non esclusive , come invece lo sono le edicole, hanno la facoltà di porre in vendita solamente una parte delle 4000/4500 testate esistenti, scegliendo naturalmente fra quelle a più alta vendita. Al contrario, l’attuale legislazione impone invece alle edicole di trattare tutte le testate, il che implica una esposizione finanziaria elevatissima poichè (secondo contratto) gli edicolanti sono tenuti a pagare subito la merce all’editore, nella speranza di vendere da lì a una settimana o un mese il prodotto ricevuto. I supermercati possono scegliere quali prodotti editoriali tenere in vendita, per esempio quotidiani ad alta tiratura nazionale o riviste di cucina o gossip a larga distribuzione, senza temere di esporsi con prodotti che rimarrebbero invenduti. Il sindacato SINAGI protesta contro la vendita di quotidiani e periodici nei supermercati e chiede ai comuni una moratoria. La Regione Emilia Romagna avrebbe consigliato ai sindaci di fermare le autorizzazioni e aspettare una legge definitiva, ma i sindaci spesso temono ricorsi amministrativi. Qualcuno ha tentato di dialogare, ma la grande distribuzione procede per la propria strada senza guardare in faccia nessuno.

 _________________________

152° Unità d’Italia, 15 giugno 2013, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

tutti gli articoli in primo piano  :roll:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>