L’inciucio

E’ nato il governo Letta-Alfano. E’ nato il 28 aprile da un matrimonio di convenienza. Dall’impotenza del PD nell’imporre una qualsiasi linea politica definita, essendo lacerato al suo interno da divisioni non ricomponibili, e dall’urgenza della destra di trovare un salvacondotto per il capo incalzato all’infinito dai suoi guai giudiziari. Non si poteva fare diversamente? Il partito di sinistra è talmente fragile ed inetto al punto da non essere riuscito nemmeno a scegliere, non dico a imporre, un proprio candidato alla Presidenza della Repubblica. Il movimento di Grillo si è arroccato in una linea intransigente e proterva. 😯 L’istanza di cambiamento emersa chiaramente dalle urne di febbraio è stata abilmente e proditoriamente ignorata. Assediati dall’incognita e dai pericoli della novità i due maggiori partiti, opposti e nemici, incapaci di rinnovarsi al loro interno e di cambiare nella sostanza ÔÇô il PD tuttavia è stato falcidiato nel gruppo dirigente, ma per insufficienza politica e non per moto spontaneo di rinnovamento ÔÇô sono stati costretti a gettasi l’uno nelle braccia dell’altro, al fine di mantenere le posizioni e sopravvivere. Senza sapere esattamente cosa fare e a cosa vanno incontro. I primi nodi già vengono al pettine ed altri già si vedono all’orizzonte. Pu├▓ un imprenditore che ha ampiamente dimostrato in un ventennio di essere incompetente nella gestione della cosa pubblica diventare presidente di una immaginaria ed inutile Convenzione per le riforme costituzionali, creata ad hoc per farlo diventare presidente della repubblica e padre della patria? In seconda ipotesi, pu├▓ un cittadino che si è sottratto ai processi con un interminabile serie di ignobili trucchetti e leggi ad personam, e ha fatto della resistenza ai giudici la bandiera della sua azione politica, inscenando perfino una manifestazione contro uno dei poteri dello Stato, vera azione destabilizzante le istituzioni, davanti al palazzo di giustizia di Milano, con tutti i parlamentari che egli ha fatto eleggere col porcellum votato dalla sua maggioranza, chiedere la presidenza della commissione giustizia al parlamento ? pu├▓, in subordine, il concessionario di tre reti televisive, chiedere la presidenza della commissione telecomunicazioni ? E come risolverà la sinistra la richiesta di ineleggibilità in commissione, dopo aver detto all’indomani delle elezioni che è ineleggibile ? Cosa succederà nei prossimi giorni quando riprenderanno i noti processi ? La metà di sinistra del neonato governo, compresi┬ái corrispondenti┬áelettori, dovrà ingoiare alcuni rospi per continuare a procedere con la rianimazione della metà di destra, nonchè della propria. Nel frattempo nessun problema reale della società italiana potrà essere affrontato e risolto. Tutto è rinviato a data da destinarsi. Ascoltando il discorso programmatico di Letta, ci si rende conto di essere di fronte al solito┬áelenco di speranze, di promesse, e┬ádi buone intenzioni, senza precisazione delle coperture finanziarie, senza alcun contenuto pragmatico. Spiccano┬áil cavallo di battaglia elettorale della destra, lo stop dei pagamenti imu di giugno,┬áe l’invenzione della “Convenzione” per la riforma della Costituzione. C’è poi qualche contentino ai cinque stelle, infine alcuni buoni propositi, nuovi o riciclati da precedenti discorsi di insediamento senza specificazione di contenuto, una lista di cose da fare o che dovevano essere state già fatte dai governi passati, e in particolare dal gabinetto Monti, impallinato a dicembre mi pare dal più accanito sostenitore delle attuali larghe intese.┬áAnche┬áquesto┬ágoverno starà in piedi fino a che il dominus non deciderà che è venuto il momento, per convenienza personale, di staccare la spina. Auguriamo tuttavia di cuore al premier Letta buon lavoro, nella sincera speranza che riesca a superare tutti questi grandi ostacoli, per il bene dell’Italia e degli italiani.

__________________________

152° Unità d’Italia, 5 maggio 2013, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

politica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>