#labuonasquola

Nel leggere il maxiemendamento di riforma della scuola imposta oggi al Senato dal Renzi tramite voto di fiducia (è la democrazia tirannica, bellezza) – con le sole opposizioni di quattro nuovi gatti del PD, dei sindacati della scuola e della quasi totalità degli insegnanti d’Italia – ci si imbatte in misure indubbiamente positive (per esempio i quattro miliardi per l’edilizia scolastica, ma occhio di questi tempi all’incremento demografico dei corrotti in assenza di validi argini delle istituzioni), in altre molto discutibili (erogazioni di privati con tetto altissimo che prelude al controllo dei privati sulla scuola), insieme a favori corporativi (bonus fiscale per le primarie), e misure assolutamente spassose e nello stesso tempo umilianti per i prof (comitato di valutazione dei professori composto da insegnanti e genitori, non era meglio somministrare le prove invalsi agli studenti del valutando? se hanno un buon punteggio in classi diverse l’insegnante è bravo, altrimenti …).

Dopo l’ascolto, il dialogo, il dibattito aperto, il metodo Renzi prevede di decidere qualcosa, e questo qualcosa coincide sempre con l’originario pensiero del capo. Oggi abbiamo un’altra bella riforma che aspettavamo da tanto tempo. Meglio una riforma in più che una in meno. Viva dunque la riforma della scuola. Viva #labuonasquola.

E volendo limitare l’orizzonte al proprio orticello, chissà se una tanto strampalata riforma, degna sorella delle precedenti, sarà almeno in grado in zona Cesarini di ridurre le classi pollaio. Sembra infatti che l’anno prossimo al Liceo Classico Muratori di Modena, alcune classi verranno accorpate – generando nuove classi pollaio contro la previsione della legge – sulla base di zelanti e miopi applicazioni di tabelle ministeriali da considerare ormai vetuste, in barba ai traumi e agli stress didattici che subiranno i ragazzi interessati e all’opposizione della stragrande maggioranza dei loro genitori.

_________________________________

154° Unità d’Italia, 25 giugno 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>