La presa del Campidoglio

Quanto dolore ci procurano gli avvenimenti in America di ieri. Abbiamo visto in diretta la democrazia più grande del mondo, il modello di riferimento delle libertà, piegarsi, cedere senza resistenza di fronte all’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti, luogo simbolo del governo democratico del popolo e dell’unità della nazione americana. L’attacco è stato concepito preparato lanciato da Trump con una folle escalation, che ci risveglia sgomenti nel clima buio dei primi anni venti del secolo scorso. La profanazione del Congresso rappresenta l’apice inevitabile di anni di nazionalismo e di isolazionismo, di predicazione d’odio, di attacchi alla stampa, di emarginazione delle frange deboli della popolazione, delle minoranze etniche, di giustificazione di rigurgiti razziali, di rimozione o di sottovalutazione di problemi reali e ineludibili quali i cambiamenti climatici, o recentemente la pandemia, che tra l’altro ha visto negli States la nazione più colpita al mondo.

Assistiamo al frutto avvelenato di populismi e sovranismi. Intravediamo un’onda che fra poco potrà travolgere anche l’Italia, dove da molto tempo populisti, sovranisti nostrani, autonomisti, sostenitori trumpiani, politici mediocri, governatori di regione, giornalisti, seminatori d’odio, senza freni né resistenza democratica, con ogni mezzo e senza alcuna prospettiva costruttiva, aizzano contro le istituzioni democratiche e i rappresentanti delle istituzioni strati sociali impoveriti, disillusi, frustrati; dividendo, lacerando, proteggendo interessi di parte, inseguendo identità culturali improbabili ed autonomie politiche disgregatrici, facendo montare una rabbia cieca e distruttiva contro lo Stato, individuato come responsabile unico del loro fallimento, e indicato come nemico assoluto della libertà individuale. Masse staccate dalla complessità del mondo contemporaneo, che vivono in universi paralleli dove diventa possibile negare la pandemia, l’efficacia inconfutabile dei vaccini, la forza della scienza, diffondere (e credere a) fakes, denigrare e assalire operatori sanitari, irridere e svilire avversari politici, insultare e violentare donne, disprezzare anziani, picchiare ed uccidere inermi, emarginare il diverso, credere nella superiorità della razza, negare accoglienza e diritti ai migranti, …

E’ arrivato il momento improrogabile di agire per evitare nuove marce su Roma. Serve la mobilitazione dei cittadini in difesa della democrazia  e della libertà. Servono uomini politici nuovi, competenti, visionari, servitori delle istituzioni democratiche.

E’ tempo di uomini di pace e di costruttori del bene comune.

            159° Unità d’Italia, 7 gennaio 2021, Beretta Roberto Claudio             

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>