I fratelli Bandiera

morte_dei_fratelli_Bandiera_Castagnola_1860

Il Risorgimento è il periodo storico che inizia con i moti del 1820-21 e si conclude con l’unificazione dell’Italia, prima divisa in numerosi Stati, in cui si assiste all’affermazione di un sentimento nazionale e di istanze di ribellione alla dominazione straniera, alla proposizione di forme istituzionali per il nuovo Stato, al verificarsi di moti insurrezionali, di guerre per l’indipendenza, e non ultimo, di eroici atti di patrioti e martiri per la libertà.

I moti del 1820-21 e 1830-31 furono moti preparati dai carbonari. La carboneria era una società segreta, di cui facevano parte tutti coloro che volevano limitare il potere del sovrano ed aumentare i diritti di ogni singolo cittadino. A questa società si era iscritto anche Giuseppe Mazzini, patriota e uomo politico, che dedicò la sua vita alla causa dell’unità d’Italia. Ben presto egli si era staccato dalla carboneria, che aveva obbiettivi diversi di regione in regione, e che venivano tenuti segreti persino agli stessi iscritti. Perciò Mazzini volle fondare una nuova società, la Giovine Italia, che rese pubblico il suo programma politico: l’Italia doveva essere repubblicana, indipendente e unita. Alla Giovine Italia si iscrissero moltissimi patrioti che diedero la vita per la patria. Tra questi c’erano due ragazzi, i fratelli Attilio ed Emilio Bandiera, ufficiali della marina austriaca che cercarono in ogni modo di innnescare un’insurrezione contro i Borboni, nel Regno delle Due Sicilie.

Attilio Bandiera nacque a Venezia il 24 maggio 1810, nello stesso luogo dove nacque suo fratello Emilio nel 1819. Aderirono alle idee di Giuseppe Mazzini e fondarono una nuova società segreta chiamata Esperia, con l’obbiettivo di preparare un’insurrezione nel meridione d’Italia. Il 13 giugno 1844, i due fratelli partirono da Corfù, diretti in Calabria, dove avevano saputo che era scoppiata una rivolta. Tre giorni dopo essi sbarcarono vicino a Crotone, alla foce del fiume Neto, e lì vennero a sapere che la rivolta di Cosenza era stata repressa sanguinosamente. Tuttavia i patrioti non si rassegnarono, e vollero continuare l’impresa. Perciò partirono per la Sila. Un uomo della spedizione però, andò a denunciare alla polizia di Crotone i piani dei suoi compagni, e subito i gendarmi iniziarono le ricerche dei patrioti. Quando gli insorti giunsero a San Giovanni in Fiore, sull’altipiano silano, essi furono individuati, circondati, e catturati dalle guardie. I patrioti furono portati davanti al re Ferdinando II, che li condannò a morte.

I fratelli Bandiera con altri sette compagni vennero fucilati nel Vallone di Rovito, alle porte di Cosenza, il 25 luglio 1844. Le salme dei fucilati furono seppellite nel Duomo di Cosenza, ma quelle dei fratelli Bandiera e di un altro patriota furono successivamente trasportate a Venezia nel 1867. I loro corpi sono sepolti nella Basilica dei Santi Giovanni e Paolo. E’stato eretto un cippo di marmo commemorativo in ricordo della cattura dei fratelli Bandiera e dei loro compagni avvenuta presso la località della Stragola dalla quale prende il nome il monumento: Cippo della Stragola.

____________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 22 Ottobre 2012, Chiara Beretta

__________________________________________

< la spedizione di Sapri <

 :roll: RISORGIMENTO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>