Consulta boccia referendum

La Corte Costituzionale dopo due giorni di camera di consiglio ha dichiarato inammissibili i due referendum abrogativi della legge elettorale definita dal suo stesso promotore un “porcellum”. Cancellata in un colpo la volontà e svanita la speranza di un milione e duecentomila italiani, mobilitati per abrogare una legge liberticida, data l’assoluta incapacità dei parlamentari di approvare una nuova legge condivisa, nell’interesse della democrazia. Le motivazioni della bocciatura dei quesiti referendari, solo l’esito del voto della Consulta è attualmente noto, sono probabilmente da ricercare nel timore dei giudici del vuoto legislativo che si verrebbe a creare con l’abrogazione tout court dell’attuale legge, possibile se venisse accolto dagli elettori il primo quesito, in una materia così delicata per la vita democratica quale l’elezione dei rappresentanti al parlamento. Invece la poca chiarezza del secondo quesito, che attraverso cancellazioni parziali del testo normativo, avrebbe consentito, se confermato dall’elettorato, il ripristino della legge elettorale preesistente, il cosiddetto Mattarellum, operazione contraria alla natura abrogativa e non propositiva dell’istituto referendario così come è oggi previsto dalla Carta Costituzionale, potrebbe essere il motivo della sua ritenuta inammissibilità. Vedremo quali saranno stati effettivamente i ragionamenti della Consulta, quando sarà reso noto il dispositivo della sentenza nei prossimi giorni. In ogni caso la sentenza va rispettata, anche se non si è d’accordo, come avviene in questo caso.

L’impresentabilità del Porcellum, oltre ad essere dovuta al fatto di essere una legge che favorisce una fazione politica sull’altra, e già questo sarebbe un motivo sufficiente per abrogarlo, risiede soprattutto nel dispositivo che impedisce ai cittadini elettori di scegliere i propri rappresentanti, e questo è evidentemente una contraddizione della definizione di democrazia. Gli elettori sono obbligati a votare personaggi nominati dal vertice dei maggiori partiti, senza libera scelta, negazione della democrazia, che viene di fatto sostituita da un oligarchia inamovibile ed estranea al corpo della società. Ora alcuni partiti promettono di voler modificare la legge, ma nessun cittadino è tanto stupido da credere all’ennesimo “faremo”. Si sono raccolte le firme proprio perché sentiamo da anni il “faremo”, senza per├▓ mai veder “fare” niente di concreto. Dunque non c’è alcuna nuova legge elettorale all’orizzonte. Per tanti motivi. I due partiti di destra, i fautori del Porcellum, hanno già dichiarato per mezzo dei massimi esponenti ÔÇô cioè gli unici due che contano ÔÇô che la presente elegge elettorale è una buona legge, e che al massimo va migliorata al Senato (premio di maggioranza su base nazionale). Così potremo avere due camere di finte pecore e non una sola, con il comando saldamente (si fa per dire) in mano a due pastori incerti e decrepiti. Degli altri partiti non ce ne sono due, non dico che manifestino e sostengano la stessa proposta di legge, ma che almeno concordino sull’impalcatura generale, sul modello elettorale. I partiti da molto tempo dimostrano quotidianamente di non essere capaci di dialogare, nè di fare leggi nell’interesse generale, mentre continuamente dannno prova di essere campioni nel difendere interessi particolari, specie quelli della categoria di appartenenza, ormai rifugiata e rinchiusa nelle fortezze di Montecitorio e di Palazza Madama, alla moda dei deboli sovrani degli stati italiani prerisorgimentali all’apparire dei moti rivoluzionari. Ne abbiamo avuto prove anche in queste settimane di sacrifici per tutti. Si va dalla sollevazione contro la proposta di riduzione delle indennità parlamentari, all’abbraccio omertoso di un parlamentare su cui pende una richiesta di arresto della magistratura per gravi sospetti di contiguità con l’antistato. E del resto, se potessimo effettivamente scegliere con il voto, eleggeremo di nuovo questi onorevoli? Qui si rischia il posto. Ecco perché è interesse dei partiti promettere di fare, ma in realtà essi non faranno un bel niente. Invece con l’attuale legge i dirigenti potranno perpetuare il loro potere, ed i peones continuare a godere dei privilegi e di briciole (e che briciole) che cadono dal tavolo di quei padroni.

┬áVi sono due sole vie d’uscita allo status di una democrazia bloccata e di una seconda repubblica che non resiste all’avanzare della terza. Dobbiamo affidarci al Presidente della Repubblica che ha già richiamato, e con maggiore energia ora incalzerà i partiti affinchè discutano in Parlamento e finalmente approvino una legge elettorale che ridia voce agli elettori. Se anche gli appelli del Capo dello Stato non dovessero far raggiungere questo scopo, allora la soluzione finale sarà nelle mani degli elettori alla prossima esibizione pubblica del Porcellum, cioè alle prossime elezioni: nessun voto ai partiti e alle liste in cui si troveranno elementi di questo parlamento, ma via libera a nuove formazioni politiche e movimenti con nomi e volti nuovi.

____________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 14 Gennaio 2012, Beretta Roberto

________________________________________________

┬á< 151° Unità d’Italia Io ci sono┬á <┬á┬á┬á > Parlare di politica in famiglia migliora il rendimento scolastico >┬á

┬á┬á indice degli articoli di attualità┬á

 sullo stesso tema (clicca) :

29. Un esempio da seguire

28. Tasse ed equità sociale

 27. Cancellato vitalizio senatori

 26. Ri(Costruire)

 22. Un paese senza guida

 17. Un nuovo governo

 16. Il processo lungo

 15. La casta e i cittadini

┬á10. L’Italia s’è desta

 9. Franza o Spagna

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>