La predica agli uccelli

Ringrazio i bambini della quarta B delle scuole elementari De Amicis di Modena, ed i loro insegnanti, per avermi fatto pervenire questi bellissimi disegni che pubblico ad ornamento ed omaggio a San Francesco d’Assisi patrono d’Italia, bandiera della pace ed italiano, in occasione della sua festa (4 ottobre). I disegni sono ispirati a due celeberrimi episodi dei “Fioretti di San Francesco”, il miracolo del lupo di Gubbio (XXI) e la predica agli uccelli (XVI). Essi ci ricordano la bontà, l’innocenza, e la mansuetudine di San Francesco, capace di parlare a tutte le creature, come sanno fare solo i più piccoli.┬áDopo la prima┬átranche, soggetti fratello lupo e sorella povertà, pubblicata giovedì┬áscorso┬á6 ottobre, oggi la seconda┬ácon┬ála predica agli uccelli e Francesco restauratore della Chiesa.

___________________________________________________

(Come santo Francesco dubit├▓ qual dovesse fare, o predicare o orare; I fioretti di san Francesco; XVI; parafrasi r.b.) [ÔǪ] e giunse in un luogo fra Cannario e Bevagno. E procedendo con grande fervore, alz├▓ gli occhi e vide molti alberi ai lati della strada, e su quelli un’infinita moltitudine di uccelli, al punto che Francesco si meravigli├▓ e disse ai┬á suoi compagni: – Voi mi aspetterete qui, sulla strada, mentre io vado a predicare alle mie sorelle (*).

Ed entr├▓ nel campo, e cominci├▓ a predicare agli uccelli che erano a terra. E subito, quelle che stavano sugli alberi vennero a lui, e tutte insieme stettero immobili, finchè Francesco non ebbe finito la predica. E dopo che ebbe terminato, quelle non se ne vollero andare, fino a che egli non ebbe dato la sua benedizione. E come riferirono poi frate Masseo e frate Iacopo da Massa, nessuna si┬á muoveva mentre Francesco andava tra di esse, accarezzandole sul capo. La sostanza della predica di Francesco fu questa: – Sorelle mie, voi siete molto care a Dio, vostro creatore, e dovete lodarlo sempre ed in ogni luogo, perché Egli vi ha equipaggiato con abbondante piumaggio, e vi ha dato la libertà di poter andare in ogni luogo, ed un tempo riserv├▓ un posto ai vostri antenati nell’arca di Noè, a che la vostra specie non scomparisse nel diluvio. Lo dovete inoltre ringraziare per il cielo, che egli ha riservato per voi. Oltre a ci├▓, voi non seminate né mietete, e Dio non vi fa mancare il nutrimento, nè i fiumi e le fonti che vi danno l’acqua da bere, e vi dà monti e valli come vostro rifugio, ed alberi alti per fare il nido. E benchè non sappiate né tessere né cucire, Dio veste voi, ed i vostri piccoli. Vedete dunque quanto il vostro creatore vi ama, giacchè vi dà così tanti benefici; ma state in guardia sorelle mie dal peccato dell’ingratitudine, ed operate sempre in modo da lodare Dio.

E mentre san Francesco predicava queste parole, esse cominciarono ad aprire i loro becchi, a stendere il collo, ad aprire le ali, inchinando il capo in segno di riverenza, e con atti e con canti dimostravano come le parole di Francesco davano loro una grande gioia. E con esse san Francesco si rallegrava e gioiva, e si meravigliava di tale moltitudine di uccelli, e della loro bellezza e varietà, e della loro attenzione e familiarità; e per questo egli lodava il creatore assieme a loro.

Infine, terminata la predica, san Francesco le benedisse facendo il segno della croce e diede ad esse il permesso di partire. Allora tutti gli uccelli con canti meravigliosi, si levarono in cielo in un sol volo. E si divisero in quattro parti, seguendo le direzioni del segno della croce che san Francesco aveva tracciato sopra di esse: ed una parte vol├▓ ad oriente, l’altra ad occidente, la terza verso meridione, la quarta verso settentrione; e ciascuno stormo andava cantando meravigliosamente, volendo significare con ci├▓ che, così come aveva predicato loro Francesco, gonfaloniere della croce di Cristo, ed indicato mediante il segno della croce, secondo cui essi si dividevano verso i quattro punti cardinali, così la predicazione della croce di Cristo, rinnovata per mezzo di Francesco, si doveva portare per tutto il mondo, per mezzo di lui e dei suoi frati. I quali frati, come uccelli che non hanno proprietà in questo mondo, affidavano la loro vita alla sola provvidenza di Dio. A lode di Cristo. Amen.

 

(*) uccelli in latino è femminile (aves); mantengo il femminile nella parafrasi, concordando quindi pronomi ed aggettivi┬ácon sorelle.

fare click sui disegni per ingrandirne l’immagine

____________________________

Per i più grandi

L’ osservazione del volo degli uccelli, come facevano gli auguri nella Roma antica, a┬ácui la comunità si rivolgeva prima di prendere importanti decisioni,┬ápermette a┬áFrancesco di scegliere la missione dell’Ordine cha ha fondato da poco.┬áEgli┬ási interroga┬áse┬ála volontà divina┬ásia la contemplazione e la preghiera o piuttosto la┬ádiffusione del Vangelo┬ácon┬ála predicazione. Mentre si incammina da una città all’altra, dove suscita con la sua parola grandi entusiasmi e fa proseliti, egli vede┬áaccidentalmente alcuni stormi┬áche┬ádivergono verso i quattro punti cardinali e trae il suggerimento che attendeva. La missione sua e dei┬ásuoi frati sarà la predicazione. L’infinita moltitudine degli uccelli, il loro canto,┬ál’accorrere attorno a Francesco per ascoltarlo sbalorditi ed incantati, il suo atteggiamento paterno e buono, la sottomissione e l’obbedienza sono metafora dell’entusiasmo con cui numerosissimi coetanei di Francesco avevano accolto il suo rivoluzionario ritorno alle origini del messaggio evangelico. Nè mancano, per concludere,┬áanche in questo episodio, alcuni elementi distintivi della figura di Francesco e della sua religiosità: l’armonia con la natura, l’identificazione con le creature viventi, la ricerca della volontà di Dio, la fiducia nella provvidenza divina,┬ál’elogio della mansuetudine, dell’obbedienza, della povertà.

_____________________

Modena, 13 Ottobre 2011

Roberto Beretta

_____________

2 pensieri su “La predica agli uccelli

  1. salve dott…il fantastico leccio di cui si dice che francesco parlava con gli uccelli, esiste ancora ed è più vivo che mai!! L’eremo delle carceri è davvero uno dei luoghi più spirituali che abbia mai visitato..tornerò presto ad assisi…francesco ha ancora tanto da insegnarmi. ci vediamo presto al lavoro.

    • S├¼, hai ragione, ci sono stato molti anni fa, ricordo la posizione del leccio e soprattutto la suggestione mistica dell’eremo, punto di distacco dalle cose terrene, giá non più terra, e giá territorio del cielo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>