Ai giardini Pertini

Ai giardini Pertini, i bambini giocano correndo sulle rampe, sfrecciano sugli scivoli, si arrampicano sulle reti, dondolano sui cavalli a molla, provano l’equilibrio sulla trave, siedono nella sabbia con camion e secchielli, si spruzzano l’acqua della fontana. I genitori si godono un pò di relax all’ombra degli alberi e fanno conversazione, lo sguardo però sempre incollato sui piccoli, chè i bimbi son tanti, guizzano, scompaiono d’improvviso, riappaiono incerti su torri e castelli, su pericolosi passaggi aerei, e guai se si rotolano nella sabbia o si bagnano nella fontana, belli lindi come sono. Molte nonne coi nipotini. Le fronde degli alberi creano una frescura nel caldo torrido della giornata estiva.

Dopo tanti anni oggi torno ai giardini, niente mi sembra cambiato, i miei ricordi coincidono con la realtà presente. Io e mia sorella siamo ormai grandi, eppure sentiamo ancora lo stesso impulso di lanciarci sui giochi. Già vedo Chiara scivolare veloce lungo il giallo ed ampio scivolo a spirale, spingendo la fila dei più piccoli che si crea al suo sbocco. Le mie mani indugiano sulle maniglie della sedia a rotelle. Alice è la mia compagna di classe, occhi azzurro cielo, viso lentigginoso, capelli rossi e forti raccolti a coda, nel corpo abbozzata la primavera degli anni.

Poco fa, mentre spingevo la carrozzina verso i giardini, udivo la mamma raccontare spigliata che da piccole eravamo assidue frequentatrici del parco giochi, fin dai nostri primi passi. Alice era rimasta a lungo in silenzio, meditabonda, e adesso, all’ombra del leccio, all’improvviso mi chiede:

– Silvia, a quanti mesi hai iniziato a camminare?

– Il giorno del mio primo compleanno; risposi di botto e non senza un certo orgoglio.

– Beata te, io non ho mai camminato.

Il mio sguardo incrocia quello di mia sorella che da lontano con grida e con cenni mi invita ad unirmi a lei alla trave su cui avanza sicura dando prova di grande equilibrio. Gli altri bimbi saltano, arrampicano, scivolano, dondolano, corrono, rincorrono, cadono, ridono, gridano. Mi siedo all’estremità della panchina, a ridosso dell’albero, sistemo con lentezza la carrozzina al mio fianco. Tengo stretta la sua mano. Oggi non ci va di giocare. Guardiamo soltanto.

 ___________________________________________

Modena, 6 luglio 2011

Silvia e Roberto Beretta

 :roll:   CUORE 150°

Liberamente ispirato al racconto “I bambini rachitici”,venerdì 5 maggio, Cuore, E. De Amicis 

___________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Maggio/I_bambini_rachitici

Cuore torna mercoledì prossimo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>