Angelo Vassallo

Angelo Vassallo è stato sindaco di Pollica, paese del Cilento, in provincia di Salerno. Sindaco pescatore, perché imprenditore ittico e perché la pesca era la sua passione, prima che egli l’abbandonasse per mettersi a completo servizio dei suoi concittadini. Sindaco per quattro mandati, nell’ultimo di questi fu eletto all’unanimità! In una terra dove la speculazione edilizia, la devastazione del territorio, e l’illegalità impongono spesso la loro legge, Angelo era convinto che si potesse assicurare sviluppo del territorio e benessere della popolazione nel rispetto delle leggi vigenti e nella conservazione dell’ambiente naturale.

La sua volontà e le sue energie furono messe al servizio dei cittadini. Credette in uno stile di vita fondato sul lavoro pulito e sull’onestà. Fu tanto autorevole quanto convincente con il suo esempio nell’imporre il rispetto delle regole alla sua comunità, che, partecipe delle sue idee, lo aiutava e lo seguiva entusiasticamente e gratuitamente.

Caparbio, onesto, coraggioso, mai si piegò a compromessi.

Installò il primo depuratore del Cilento, promosse con successo la raccolta differenziata, convinse i marinai dei pescherecci a scaricare i rifiuti a terra e non in mare, si oppose con ogni mezzo alla cementificazione del territorio, fermò gli abusi edilizi, lasciò il mare pulito tanto da guadagnarsi la “bandiera blu” della più importante associazione ambientalistica italiana. Grazie alla sua passione ed al suo impegno, la dieta mediterranea – insieme di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni fondate sul rispetto del territorio e la biodiversità – prodotto immateriale del Cilento, ma anche di tutto il meridione d’Italia, è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Litorale_di_Pioppi

Il litorale di Pioppi (Pollica) d’estate (fonte: Wikicommonns)

Avendo riconosciuto i tesori delle terre meridionali – il sole, il mare, le bellezze naturali, i prodotti della terra, la cultura, l’arte, l’ospitalità …-, Vassallo è riuscito a coniugare nella sua opera ambientalismo ed imprenditorialità, per creare un microcosmo dove la bellezza dei luoghi, la difesa e la promozione delle tradizioni, infine il rispetto della legalità sono i capisaldi del benessere, e di una vita serena ed a dimensione d’uomo.

Angelo Vassallo è stato ucciso il 5 settembre 2010 in un agguato ipotizzato di matrice camorristica. A distanza di un anno dalla sua morte, gli assassini non sono ancora stati scoperti.

Il sindaco pescatore, cittadinoditalia, ha indicato con il suo esempio la via per fare l’Italia. A noi tocca raccogliere il testimone ed incamminarci per questa strada.

________________________

Modena, 27 Ottobre 2011

Beretta Roberto

______________

 :roll: strade italiane

Un pensiero su “Angelo Vassallo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>