Il collegato

IL COLLEGATO alla Legge di Bilancio noto come Legge quadro del ministro Boccia per l’attribuzione alle regioni di forme particolari di autonomia sarebbe stato stralciato. E’ quanto afferma il Comitato Nazionale per il ritiro di ogni autonomia differenziata, al termine della giornata di mobilitazione di ieri, che aveva come obiettivo, fra gli altri, di sollecitare i parlamentari al ritiro di tale legge sulle autonomie. Presidi di cittadini, flash mobs, assemblee pubbliche e momenti formativi si sono tenuti in 25 città. La notizia dello stralcio della legge è ancora da verificare ma se fosse confermata sarebbe un primo piccolo passo e una prima piccola vittoria per chi crede che l’autonomia differenziata porti ulteriore frammentazione e divisione nel paese oltre a diseguaglianze e disequilibri territoriali fra cittadini con pari diritti e dignità. Dubito che il disegno di legge in questione sia stato ritirato in seguito alla pressione esercitata da una sparuta minoranza di cittadini e per giunta proprio nel giorno in cui si sono mobilitati. Comunque sia, si sarebbe guadagnato un po’ di tempo, ed ora la sfida che ci attende è quella di sollecitare un dibattito nell’opinione pubblica su un tema di importanza capitale, cui le masse di cittadini sembrano non prestare la necessaria attenzione, vuoi per complessità del tema, per disaffezione alla politica, per comoda delega o cronica sottomissione a leader di partito, per i drammi sociali ed economici generati dalla pandemia, per distrazioni natalizie, per la disinformazione o per il silenzio dei mass media sull’argomento, e per chissà cos’altro ancora.

           159° Unità d’Italia 19 dicembre 2020 Beretta Roberto Claudio           

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>