Le sbarre del cuore

 Il vescovo visita i detenuti. Apre il Giubileo della Misericordia. Con qualche giorno di anticipo sulla solenne celebrazione di apertura in città. Il carcere luogo privilegiato di esercizio della misericordia. Un centinaio di detenuti davanti al tavolo altare nella sala teatro, personale e volontari a latere. I due mondi sono separati da radi agenti. Liturgia rituale. Omelia del vescovo. Padre Nostro. Scambio della pace. In piedi appoggiato alla parete di fondo (le rivoluzioni partono sempre dagli ultimi) il mio vicino incredibilmente è un giovane musulmano. “La pace sia con te”. Detenuti e civili si mescolano caoticamente.  Cadono barriere. La tensione si scioglie, come avviene fisiologicamente al termine di funzioni religiose, si diffonde un’atmosfera che sa di armonia, euforica. Alcuni detenuti portano semplici doni. Capanna del presepe, immagini della vergine fatte di grani di riso, un paramento liturgico cucito nella sezione femminile. Applausi. Voglia di comunità. Voglia di famiglia. Voglia di rimuovere le sbarre dal nostro cuore. Sorrisi pacche sulle spalle strette di mano inviti idee progetti arrivederci a nuovi incontri. “La misericordia non è contraria alla giustizia … se Dio si fermasse alla giustizia, cesserebbe di essere Dio” (papa Francesco).

____________________________________________________

154° Unità d’Italia, 8 dicembre 2015, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>