Le ragioni dei vinti

Il risorgimento non è stato solo una marcia trionfale verso un ideale romantico di patria e di nazione. Opera di un’ elite minoritaria, il processo di unificazione dell’ Italia ha lasciato sul campo anche dei vinti, cioè coloro che non si sono sentiti chiamati o coinvolti nel processo di unificazione, o non vi hanno creduto, né tratto beneficio o al contrario hanno visto peggiorare la propria condizione sociale e di vita. Bisogna avere il coraggio di considerare le ragioni di queste classi, e ciò può avvenire solo attraverso la conoscenza ed il racconto degli eventi storici, senza aver paura di scoprire anche fatti scomodi che costringono a modificare il nostro sistema di pensiero.Solo così impariamo che ci sono state fasce sociali, masse di popolo, territori che hanno sofferto con l’ unificazione dell’ Italia, che hanno visto minacciate le loro identità e dimenticate le loro lotte, popolazioni che non sono state opportunamente coinvolte in un adeguato percorso di integrazione e progresso unitario. E’ doveroso conoscere e rispettare le diversità, interiorizzarle, per poter crescere insieme arricchiti della cultura di tutte le genti italiane. All’ opposto occorre accettare il presente che la storia ci ha consegnato, evitando di abbandonarsi a sterili rivendicazioni e regressioni. Non si possono riportare indietro le lancette dell’ orologio della storia in un punto a piacimento, pensato come espressione piena della propria collocazione storico-culturale. Per tutti la diversità e l’ unità sono la grande forza del nostro paese.

Modena, 21 maggio 2011

Beretta Roberto

____________

< Indice Risorgimento < > Le ragioni dei vinti seconda parte >

____________

 :roll: RISORGIMENTO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>