Il cane

Noi mentre il mondo va per la sua strada,

noi ci rodiamo, e in cuor doppio è l’affanno,

e perchè vada, e perchè lento vada.

Tal, quando passa il grave carro avanti

del casolare, che il rozzon normanno

stampa il suolo con zoccoli sonanti,

sbuca il can dalla fratta, come il vento;

lo precorre, rincorre; uggiola, abbaia.

Il carro è dilungato lento lento.

Il cane torna sternutando all’aia.

________________________

Giovanni Pascoli, Myricae, 1891

________________________

:roll: poesie

Il pesante carro tratto dal cavallo da tiro che stampa ritmicamente sul terreno i suoi zoccoli è metafora del fluire lento e fatale del tempo e della vita universale, che scorrono ineluttabilmente per ignoti e misteriosi sentieri, indifferenti al frenetico e vacuo affacendarsi dell’uomo, qui simboleggiato dal cane, che invano cerca di mettersi in relazione con il cosmo per catturarne l’attenzione, per uscire dalla disperata e solitaria emarginazione, per essere infine riconosciuto come entità partecipe di quella vita universale, in cui solo può trovarsi il senso della sua esistenza. (r.b.)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>