Il volto

1. Il cancello dell’oratorio è spalancato. La parte del cortile visibile dalla strada, innalzato sopra la rampa di accesso, delimitato su due lati dai portici, quello di destra chiuso da una barriera dipinta di un verde brillante, sormontati entrambi da una lunga terrazza, sui cui rami disposti a squadra, si aprono qui le aule, là le finestre della cappella, appare deserto. Un improvvisa ed inspiegabile volontà mi spinge ad entrare. Lo spazio sembra essere ingrandito. I platani addossati alla cinta di destra si trovano stranamente in mezzo al cortile, i tronchi sono diventati massicci. Oltre quelli un lungo ignoto rettangolo d’asfalto al cui centro sta un bel campo di pallavolo. E un grande campo da calcio, sicuramente regolamentare, disposto ad esso trasversalmente sul lato minore. Mano a mano che mi avvicino una maggiore superficie del terreno, nascosta dal muro, si svela. Sono quasi all’angolo dell’edificio … Dov’è finito il filare di pioppi ?

┬á┬á 😯 A un viaggiatore che sta lontano per tanto tempo dal suo paese possono succedere cose singolari quando gli capita eccezionalmente di tornare. Trova spesso un paese che gli è sconosciuto. Demolizioni, costruzioni, fatti, gente nuova e diversa, questi elementi insignificanti se presi singolarmente ed accettati in loco, hanno alla lunga cambiato il tessuto cittadino e le abitudini sociali. Egli si trova in un solo istante a dovere prendere consapevolezza di una realtà nuova e di una realtà cancellata. Quando vi abitava l’aspetto del paese era, come dire, ÔÇÿnormale’, nel senso che tale aspetto non poteva né poteva essere immaginato diversamente da com’era. Le strade con il pavè, i cortili con stalle e fienili, gli animali, la chiesa grande, il santuario, la scalinata, il bosco, la valle, il fiume, gli alberi da frutto, i campi di ganoturco, i gelsi, la quiete di un paese sulle prime colline prealpine. La memoria ha fissato rigidamente il paesaggio in un passato lontano ed egli ora tutto rivede, o si aspetta di vedere, invariato. Tutto ci├▓ che un tempo sembrava indifferente adesso gli è diventato prezioso e necessario. Ricerca i luoghi del paese natale con nostalgia e desiderio. Li rivede a volte rivestiti di un fascino melanconico e doloroso. Davanti alle novità del progresso la mente nega il reale e cerca il ricordo. Cerca infatti le sue radici. Cerca sé stesso. Egli non pu├▓ fare a meno del volto del suo paese, come ognuno non pu├▓ fare a meno del volto del padre e della madre.

continua mercoledì > il filare di pioppi

___________________________

152° Unità d’Italia, 10 aprile 2013, Beretta Roberto Claudio

________________________________________

 

IL CAMPETTO DELL’ORATORIO

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>