Il filare di pioppi

2. Sento nell’aria il balsamo dei pioppi. Sento voci di gioia, grida di bambini.┬á Fa caldo. Il cielo è appesantito dall’afa. Mi accoglie l’ombra della muraglia del cinematografo e della chiesa di San Stanislao. I tre filari di pioppi sono disposti a cingere un campo di calcio polveroso. Ritti, altissimi, svettanti, rami paralleli che si drizzano al cielo da cilindrici fusti robusti, dalla corteccia bruna, rugosa, tormentata da irregolari solchi sinuosi verticali e profondi. Le foglie a guisa di cuore, dentellate, tremolanti, dal picciolo sottile e leggermente schiacciato ma nel piede turgido e rigonfio, emanano l’essenza di cui è satura l’aria. 😛 La fila vicina è ordinata e lascia spazi uguali fra i tronchi, le due restanti più lontane al mio occhio, sono più rade e meno attraenti, l’una, l’opposta, interrotta brutalmente per far spazio alla porta del campo di calcio, l’altra, sul lato sinistro, più arido, largamente incompleta per la mancanza di alcuni elementi e tronca davanti al cancello della via Sabotino. I pioppi delimitano, insieme al muro della cinta che li fronteggia, una passeggiata su cui si affacciano isolate panchine in cemento addossate alla recinzione.┬á Un vecchio intonaco grigio, con qualche ampia scrostatura che rivela qua e là l’intima struttura di mattoni rossi, riveste il muro, interrotto ad intervalli regolari dalla salienza di pilastri quadrati, sormontati in alto da un rudimentale capitello, su cui si appollaia di tanto in tanto qualche bambino ozioso. Sul lato nordoccidentale la stradina termina in una buca rettangolare sabbiosa, adibita a circuito delle biglie, o al salto in lungo quando si fanno le “olimpiadi”.

2. continua, il campetto dell’oratorio

_____________________________________

152° Unità d’Italia, 17 aprile 2013, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________

il campetto dell’oratorio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>