La Chiesa e i cattolici

Foto_PioXII

All’ inizio dell’ anno 1948 si costituiscono i Comitati Civici, organizzazione costola dell’ Azione Cattolica, che nasce con lo scopo di orientare ed animare l’ elettorato cattolico, attraverso la mobilitazione di tutte le istituzioni cattoliche, dalle diocesi alle parrocchie, agli ordini ecclesiali, alle organizzazioni laiche, dal vescovo ai boy scout.

Il loro fondatore è Luigi Gedda, presidente dell’ Unione uomini dell’ Azione Cattolica: egli scrive nella sua biografia di aver ottenuto l’ incarico direttamente da Pio XII durante un’ udienza il 20 gennaio. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del governo democristiano Giulio Andreotti, ricorda nel suo diario politico che Gedda “ha avuto l’ordine … da lassù di scendere in campo direttamente contro il pericolo di una vittoria comunista”; egli sa che i Comitati civici appoggeranno la democrazia cristiana anche se ufficialmente faranno solo propaganda per andare a votare.

Il vaticano sostiene l’ operazione anche dal punto di vista finanziario. Il materiale propagandistico dei Comitati Civici invade diocesi e parrocchie, posizionandosi su due linee di intervento: la prima è la mobilitazione dell’ area del non voto [in un manifesto elettorale si vedono due conigli bianchi su sfondo rosso e lo slogan “essi non votano – perché sono due conigli”, in un altro manifesto un asino, ripreso davanti ad una lavagna su cui compaiono alcune incontestabili ragioni per esprimere il voto commenta: “io non voto”], e la seconda linea è la chiamata dei cattolici alle armi affinchè la nazione non cada nelle mani dei nemici della fede. Ogni mezzo è lecito, le manifestazioni religiose diventano spesso occasione per fare propaganda elettorale. Tutti i cattolici sono mobilitati, a cominciare dai vertici della chiesa: a Bologna per esempio i “frati volanti “, squadre di preti e frati in borghese, costituite dall’ arcivescovo Lercaro, sono pattuglie che si dedicano alla propaganda elettorale: a Milano, l’ arcivescovo, cardinal Schuster, con parole durissime dichiara di non potere “assolvere gli aderenti al comunismo […] quando aderiscono agli errori contenuti nelle loro dottrine […] E’ gravemente illecito ad ogni fedele il dare il proprio voto a candidati […] che siano manifestatamente contrari alla Chiesa”.

Il papa stesso il Lunedì di Pasqua dal loggiato di San Pietro, dopo aver esortato i fedeli con le parole di Gesù “abbiate fiducia, io ho vinto il mondo” [Giovanni 16, 33] ricorda minacciosamente, con le stesse parole di Cristo, “Chi non è con me è contro di me” [Luca 11, 23]. I comunisti chiedono che Schuster venga incriminato per violazione del Concordato. E’ il terreno prescelto dagli oppositori del fronte, lo scatenamento della guerra santa, “Con Cristo o contro Cristo”, lo spostamento del confronto dal piano politico a quello religioso, dove la fede si sostituisce alla ragione. “Nel segreto della cabina Dio ti vede, Stalin no”. La Democrazia Cristiana è ormai un partito confessionale.

Dalla campagna elettorale escono definitivamente i temi del lavoro, l’ applicazione della costituzione, la ricostruzione, la questione agraria. Il fronte cerca di evitare la radicalizzazione della questione religiosa, si impegna inizialmente a rispettare “i sentimenti e principi cristiani del popolo italiano, garanzia della pace religiosa”. Ma infine cambia strategia e passa al contrattacco: il vaticano e le gerarchie ecclesiastiche tradiscono i fedeli ed il vangelo, i veri cristiani stanno con il fronte.

fine capitolo ottavo

  :roll:  Le elezioni del 1948

_______________________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 7 maggio 2012, Beretta Roberto

____________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>