Partecipare e amministrare

Si è svolto domenica al municipio di Modena l’incontro “La partecipazione dei cittadini alla vita della città”. Sono intervenuti assessori dei comuni di Vicenza e Milano, oltre al vice-sindaco di Parma. La luce calda che inondava dalle grandi finestre l’ottocentesca sala, abbellita da dipinti e dai ritratti di aristocratici e nobildonne, creava un’atmosfera accogliente, rafforzata dalla sollecitudine del locale “Assessore alla Partecipazione” il quale, distribuendo cioccolatini ai presenti, lasciava trasparire la voglia di incontrare e conoscere i cittadini modenesi. Il lessico degli interventi era piacevolmente punteggiato di parole come ascolto, partecipazione, collaborazione, democrazia, comunità, unità, bene comune, buona amministrazione, impegno civile. Roba dell’altro mondo. Rinnovata attenzione alle associazioni, al volontariato, ai corpi intermedi. Critica aperta a certi metodi politici che si esprimono nella contrapposizione, nel litigio, nella diatriba inconcludente, nel decisionismo monocratico. E’ stata la rivelazione di una classe politica, almeno a livello di amministrazioni locali, che ha preso consapevolezza della deriva che si è andata formando fra politica e cittadino, e che cerca per la prima volta il superamento della crisi e l’attuazione di una democrazia matura attraverso la chiamata dei cittadini alla partecipazione alla vita pubblica. 😯 Incredibile lo sforzo effettuato dall’amministrazione a Parma (M5S), per il metodo quasi scientifico nella ricerca di equità e rappresentatività della popolazione. Concreto il resoconto dell’esperienza di Vicenza (PD-SEL), e di particolare interesse le riflessioni sul significato (e i limiti) della partecipazione. Insomma una chiamata del ceto politico ad una buona amministrazione, a cui però non corrisponde per ora un’adeguata risposta dei cittadini. Poche infatti le persone presenti in sala, pochi i rappresentanti delle associazioni. Il deficit di partecipazione dei cittadini alla vita politica è il vero problema della politica. La critica, giustificata, contro politici corrotti ed inconcludenti, ha generato il rifiuto della politica tout court, esaurendosi in invettive e sterili lamentele, in “picconate” al sistema, senza tuttavia capacità propositiva, assunzione di responsabilità, partecipazione. Ora che alcuni amministratori coraggiosi hanno capito la lezione, il punto è “Come risvegliare la partecipazione dei cittadini alla vita della città?”.

_____________________________

154° Unità d’Italia, 2 aprile 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________

politica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>