Blu o rosa

Ieri sera, 21 dicembre 2020, si è tenuto il primo incontro del ciclo di eventi online della rassegna organizzata da ARCI Modena “Je Suis Razza Umana 2020”. Il titolo della serata era “Lessico dei valori”. Erano ospiti Chiara Tagliaferri, autrice, Gad Lerner, giornalista e scrittore e Cristina Portolano, illustratrice, che, ognuno con un breve video, hanno mostrato come cambia il “lessico dei valori” in relazione alle nuove generazioni e alla straordinaria convivenza di diverse culture che caratterizzano la società moderna.

Chiara Tagliaferri è autrice, tra le altre cose, insieme con Michela Murgia, del podcast Morgana, edito da Storielibere.fm. Le due si propongono ogni mese di raccontare la storia di donne (ma anche di uomini: una puntata è infatti dedicata allo scrittore Stephen King) che nella loro vita, attraverso la loro attività, hanno contribuito a ridimensionare il modello patriarcale, radicato nella nostra società dall’alba dei tempi. 

Con un intervento dal titolo “Sisterhood/Sorellanza”, la Tagliaferri ha spiegato, portando come esempio la cantante Beyoncè, la scrittrice nigeriana Chimamanda Ngozi Adichie e la neo-eletta vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris, quanto sia importante “obbligare il mondo a vederci e a trattare con rispetto e dignità il corpo e i pensieri delle donne, che spesso vengono attaccate non per quello che dicono ma per quello che sono”. 

Nel saggio “ Dovremmo essere tutti femministi” Chimamanda Ngozi Adichie scrive «Io vorrei che tutti cominciassimo a sognare e progettare un mondo diverso. Un mondo piú giusto. Un mondo di uomini e donne piú felici e piú fedeli a se stessi. Ecco da dove cominciare: dobbiamo cambiare quello che insegniamo alle nostre figlie. Dobbiamo cambiare anche quello che insegniamo ai nostri figli». In quanto uomo, quest’ultima frase mi ha colpito molto da vicino e mi trova perfettamente d’accordo: finchè la nostra società sarà permeata dalla cultura patriarcale, insediata in ogni suo ambito, dal mondo dei media a quello della scuola a quello dell’arte, non smetteremo mai di avere a che fare con divario di genere, cultura dello stupro e una serie interminabili di elementi che porta le donne a essere “attaccate non per quello che dicono ma per quello che sono”.

Per invertire la rotta, oggi più che mai si avverte l’esigenza di una nuova educazione, che non insegni più fin dalla culla che il blu è per i maschi e il rosa per le femmine, ma al contrario un linguaggio che porti alla liberazione dagli stereotipi e alla piena affermazione ed espressione della donna in ogni campo. La strada è evidentemente molto lunga ma interventi come quelli di ieri sera di Chiara Tagliaferri costituiscono senza dubbio un contributo per raggiungere la meta.

             159° Unità d’Italia 23 dicembre 2020 Filippo Muraro              

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>