L’orloggio cor cuccù

(Carlo Alberto Salustri, Trilussa, 1871-1950). Rassegnazione e melanconia crepuscolare in questo sonetto di Trilussa, dove il tempo scandito dall’orologio è immobile ed immutabile, mentre gli uomini e le cose in quello stesso tempo sono invecchiati e degenerati irreversibilmente. Gli oggetti che ci regalavano momenti di felicità si sono con l’uso deteriorati e logorati al punto che funzionando così male, l’allegria che una volta suscitavano in noi, ha lasciato il posto all’irritazione ed alla malinconia di oggi. C’è una stagione per ogni gioco, la vita è divenire, e ciò che divertiva in passato, può diventare fastidio e seccatura nel presente. (r.b.)

______________

E’ un orloggio de legno

fatto con un congegno

ch’ogni mezz’ora s’apre uno sportello

e s’affaccia un ucello a fa’ cuccù.

Lo tengo da trent’anni a capo al letto

e m’aricordo che da regazzetto

me divertiva come un giocarello.

M’incantavo a guardallo e avrei voluto

che l’ucelletto che faceva er verso

fosse scappato fòra ogni minuto…

Povero tempo perso!

Ogni tanto trovavo la magnera

de faje fa’ cuccù per conto mio,

perchè spesso ero io

che giravo la sfera,

e allora li cuccù

nun finiveno più.

Mó l’orloggio cammina come allora:

ma, quanno vede lo sportello aperto

co’ l’ucelletto che me dice l’ora,

nun me diverto più, nun me diverto…

Anzi me scoccia, e pare che me dia

un’impressione de malinconia…

E puro lui, der resto,

nun cià più la medesima allegria:

lavora quasi a stento,

o sorte troppo tardi e troppo presto

o resta mezzo fòra e mezzo drento:

e quer cuccù che me pareva un canto

oggi ne fa l’effetto d’un lamento.

Pare che dica: – Ar monno tutto passa,

tutto se logra, tutto se sconquassa:

se suda, se fatica,

se pena tanto, eppoi…

Cuccù, salute a noi!

 Carlo  Alberto  Salustri 

_______________________

Parafrasi. E’ un orologio di legno fatto con un congegno che ogni mezz’ora fa aprire uno sportello e fa affacciare un uccello che fa cuccù. Lo tengo da trent’anni in faccia al letto e mi ricordo che da ragazzo mi divertiva come un giocattolo. M’incantava a guardarlo e avrei voluto che l’uccelletto che faceva il verso scappasse fuori ogni minuto … Povero tempo perso! Ogni tanto trovavo la maniera di fare cuccù per conto mio, perché spesso ero io che giravo le lancette, e allora i cuccù non finivano più. Adesso l’orologio cammina come allora: ma quando vedo lo sportello aperto con l’uccelletto che mi dice l’ora, non mi diverto più, non mi diverto … Ed anche lui del resto non ha più la medesima allegria: lavora quasi a stento, o esce troppo tardi e troppo presto o resta mezzo fuori e mezzo dentro: e quel cuccù che mi pareva un canto, oggi mi fa l’effetto d’un lamento. Pare che dica: – Al mondo tutto passa, tutto si logora, tutto si deteriora: si suda, si fatica, si pena tanto, eppoi … Cuccù, salute a noi!

______________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 9 Dicembre 2012, Beretta Roberto

___________________________________________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>