La baia tranquilla

(Pascoli, Mirycae, 1892) Una scena di pace, il desiderio di fermarsi qui per sempre, rassicurati dal perpetuo e lento fluire ┬ádella marina.┬áI nostri sensi si muovono┬ádall’acqua┬áverso l’entroterra ed il cielo per posarsi infine sul lontano poggio ornato di cipressi neri, che alludono alla morte.┬áE da qui┬áosservare┬ádolcemente,┬álontani,┬áil travaglio del mare, metafora delle tempeste e delle gioie della vita.┬á(r.b.)

“Getta l’ancora cuore mio. Non c’è un onda in questa baia. (Odi) quale costante sciacquìo fa l’acqua fra la ghiaia! Un canto di marinai, come un lungo addio, viene dalla spiaggia soleggiata, oltre il giuncheto. Puoi vedere un fiume che luccica fra i salici e gli ontani; uno stormo di gabbiani biancheggiare nel cielo turchino; e┬á più lontani, sul poggio, i cipressi neri. Mare! Mare! Com’è dolce (udire) dall’azzurro poggio le tue urla e i tuoi sussurri.”

__________________________

LA BAIA TRANQUILLA

Getta l’ancora, amor mio

Non un’onda in questa baia

Quale assiduo sciacquìo

Fanno l’acque tra la ghiaia!

 

Vien dal lido solatìo,

vien di là dalla giuncaia,

lungo vien come un addio,

in cantar di marinaia.

 

Tra le vetrici e gli ontani

Vedi un fiume luccicare;

 

uno stormo di gabbiani

nel turchino biancheggiare;

e sul poggio, più lontani,

i cipressi neri stare.

 

Mare! Mare!

Dolce là, dal poggio azzurro,

il tuo urlo e il tuo sussurro.

_____________________

Giovanni    Pascoli

__________

 

151° Unità d’Italia, Modena, 26 febbraio 2012, Beretta Roberto

___________________________

 < carnevale vecchio e pazzo <     > risveglio >

indice poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>