Coronavirus ed anniversari

Oggi è la festa dell’Unità d’Italia, che infatti compie 159 anni. Brutto compleanno si dirà, con il coronavirus che sta mettendo a ferro e fuoco il nostro paese, giocando con le nostre vite e i nostri affetti, devastando l’economia, ma soprattutto, anche se magari non ci pensiamo, il malefico virus sta picconando la tenuta della nostra comunità in quanto stato unitario. Vediamo il virus inasprire il contenzioso fra alcune regioni e stato centrale, blandirne alcune nel tentare soluzioni indipendenti, incoraggiare spinte autonomistiche, aizzare divisioni e regolamenti di vecchi e nuovi conti fra nord e sud, scuotere la tenuta dell’unità nazionale. Le divisioni indeboliscono mortalmente la nostra comunità.

L’epidemia ci dà però una singolare opportunità. Quella di unire finalmente l’Italia in un unico corpo, in cui ognuno è tessera di un mosaico che può esistere solo se nessuna manca. Nell’abnegazione e nel senso del dovere, nel rispetto delle regole, nella solidarietà, nella generosità, nella rinuncia a qualche libertà personale, nell’eroismo di piccoli gesti quotidiani, nel rispolverare inno e tricolore, nel riconoscimento degli sforzi e dell’autorità del governo, nella fiducia al presidente Mattarella, nella speranza che tutto andrà bene, finalmente siamo insieme.

Il virus passerà ma subito dopo bisognerà ricostruire l’Italia dalle macerie partendo proprio da quell’unità di intenti e di comportamenti che dimostriamo in questi giorni così difficili.

_______________________________

159° Unità d’Italia, 17 marzo 2020, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>