L’incontro di Teano

(Teano, 26 ottobre 1860) La notte del venticinque, il generale Garibaldi aveva trovato ristoro a Taverna Cerasello, mentre i suoi volontari si erano accampati nel bosco di Cajanello. All’alba egli venne alla Taverna della Catena e, trovato quivi il generale Della Rocca, comandante di corpo d’armata dell’esercito piemontese, gli domandò dove poteva incontrare sua maestà. E saputo che il re marciava alla volta di Teano al comando del quarto corpo d’armata, l’eroe tornò indietro, prese una scorciatoia attraverso il bosco e per una carrareccia giunse infine al ponticello che oggi si chiama di San Nicola, poco lontano dalla chiesetta bianca di Borgonuovo, dove la strada di Caianello, dopo la salita che porta il nome del medesimo santo, fa un gomito e gira verso la vicina Teano. Garibaldi smontò da cavallo ed in piedi attese l’arrivo del re. I boschi d’intorno e il Vesuvio si tingevano dei colori caldi dell’autunno, e dai pioppi cadevano scolorite e fiacche le foglie sui reggimenti sabaudi che marciavano in direzione di Teano. “A un tratto, non da lontano, un rullo di tamburi, la fanfara reale del Piemonte […] Ed ecco un rimescolio nel polverone che si alzava laggiù, poi un galoppo, poi dei comandi” (*). Il generale balzò d’istinto sul baio, Seid. Dietro un alto muretto un contadino levò il cappello in segno di deferente saluto gridando “Il Re ! il Re ! Viva! Viva!”. Mentre di qua sulla strada polverosa una pastora si affannava a scostare le pecore del suo umile gregge, ammaliata dallo splendore delle uniformi, dalla magnificenza dei cavalli, dagli sguardi dei due capi. Un ufficiale garibaldino preoccupato per la sicurezza del suo comandante, sbarrava la strada allo stato maggiore piemontese, che se ne stava in disparte, distratto e quasi indifferente. “Salute al re d’Italia” gridò il generale con voce squillante alzando la destra, senza togliersi il copricapo. Ed il re, che si aspettava questo incontro, riconoscendo il generale e la sua voce si arrestò. I due avanzarono soli, l’uno incontro all’altro. Le loro mani si chiusero nella stretta e gli sguardi erano determinati regali e fieri. Stettero un po’ a scambiare parole. Il generale parlava, e il re accarezzava il collo del suo bellissimo sauro. Poi spronò. Il generale mise il cavallo alla sinistra di lui. La numerosa compagnia degli stati maggiori al seguito. Il re e il generale percorsero insieme il breve tratto di strada verso Teano. Pochi minuti per stabilire la gerarchia del potere. A Porta Romana si separarono. Il re andò ad alloggiare a palazzo Santagapito, dove fino alle due della notte precedente avevano dormito i Borboni e la corte. Garibaldi girò invece al largo da Teano, si fermò presso una vicina stalla a consumare un frugale pasto che ripagò con una moneta d’argento, indi tornò scuro in volto e senza dire una parola, con le sue schiere oggi sconfitte, oltre il fiume Volturno.

_____________________________

151° Unità d’Italia, Modena 12 novembre 2012, Beretta Roberto

____________________________________________________

 :roll: RISORGIMENTO

 

(*) citazione tratta da : Giuseppe Cesare Abba, Da Quarto al Volturno

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>