Il mercatino delle figurine

E’ l’ora della ricreazione ed il chiasso dei bambini rompe il silenzio solitario e severo del cortile. Le grida e le corse rallegrano ma non scuotono l’immobilità dell’antico convento che assiste indifferente agli eterni giochi di una nuova generazione di bambini. Solo il grande mansueto ippocastano, elevato al centro dello spazio osserva un po’ irrigidito ed apprensivo, i suoi rami non sono ancora ornati con le floride foglie palmate color verde brillante nè dai bianchi coni di fiori. Il sole primaverile si affaccia nel cielo terso ed azzurro. Ma il freddo è ancora pungente.

cucciolo bell huskySul largo e basso muretto che separa lasciando solo un passaggio due lati del cortile dal portico, unendo i pilastri sormontati dagli archi a sesto pieno, alcuni bambini di quinta hanno sistemato le figurine delle loro raccolte. Pokemon, Winx, criceti Hamtaro, Spirit, Bella Sara, Cuccioli cerca amici e tanti altri innumerabili innocenti ed ingenui eroi sono macchie colorate sulle ceramiche scure e lisce. Il mercatino delle figurine. In ginocchio al di qua del muretto, si cambiano le figurine doppie, si barattano i pezzi più rari con congrue contropartite, ci si libera delle figurine che non interessano più. Un’attività inesausta ed inesauribile per trovare quei mitici mancanti che completano la raccolta del cuore. Dal cortile si avvicinano i bambini e fanno capannello, abbozzi di trattative con quei marpioni della quinta che spesso la fanno ai più sprovveduti. Mi ricordo quella volta della figurina invisibile.

Io e Marcella gironzolavamo fra i muretti osservando i mercatini. In uno di questi, vedemmo alcune figurine che avrebbero finalmente potuto completare le nostre raccolte. Accidenti nessuna di noi due aveva portato quel giorno delle figurine da scambiare. Marcella spremette le meningi e come al solito ebbe un’idea ovviamente luminosa. La osservai scrutare le bambine nel cortile finchè il suo sguardo si fermò su un gruppetto di terza. Si avvicinò quindi decisa a Ronalyn, la prese per mano e la condusse in disparte. Qui le disse: “Ronalyn, io e la mia amica abbiamo una magica figurina per te. Però devi giurare di non dirlo a nessuno. Eccola qui! Guarda, è … invisibile ! E’ rarissima. Anzi unica. Sarai baciata dalla fortuna se l’avrai. Devi anche sapere che ha un grande valore, come puoi capire essendo un pezzo unico, e perciò costa molte figurine, ma per te possiamo fare un maxi sconto: quattro figurine al posto di sei. E’ un’occasione da non perdere!”. Continuammo così e le raccontammo talmente tante frottole che finì incredibilmente per comprarla. Che risate! La guardammo allontanarsi e dirigersi verso le compagne tenendo fra le dita e mostrando entusiasta a tutte la figurina invisibile. E per poco non le toccò di litigare con le amiche che cercavano di aprirle gli occhi. Io e Marci, intanto ci spanciavamo dalle risate ben nascoste e, suonata la campana di fine intervallo, potemmo darcela a gambe verso l’aula salvatrice.

Benedetta, una bambina di prima, piccola piccola, dall’apparenza timida, si avvicina taciturna sedendo per metà sul muretto ed appoggiando la schiena al pilastro, nell’angolo. Io sono inginocchiata proprio davanti a lei, fra di noi il muretto e le figurine. La conoscevo bene fin dall’anno scorso quando era ancora alla scuola materna, perchè veniva a casa nostra dove mia mamma le insegnava a leggere e scrivere l’alfabeto le sillabe le prime parole ed anche un po’ di aritmetica. Tutta raccolta al tavolino colorato, ordinata e veloce svolgeva in assoluto silenzio e con grande naturalezza gli esercizi assegnati, alzando il capo solo alla fine, a guardare compiaciuta e quasi divertita il nostro stupore per la sua bravura.cucciolo wolly canguro Le figurine dei cuccioli cerca amici l’hanno come incantata. Per forza, sono anche i miei preferiti ! Il mantello dei cuccioli è di tangibile velluto ed accarezzarli dà una sensazione di tepore, il musino così affettuoso e tirabaci ti fa venire la voglia di abbracciarli. La mano trepida e timorosa accarezza furtiva un cucciolo, lo porta al petto poi lo stringe amorevolmente al viso, quindi ella lo riposa, ne prende un altro lo ammira lo abbraccia con mille riguardi, quasi a proteggerlo. La guardo. Si vede che è contenta. Guardo quelle sue mani esili e minute, la sua aria melanconica, il suo aspetto indifeso, la sua solitudine, il desiderio di amicizia. Benedetta non ha figurine da scambiare. Da poco alla scuola, non ha ancora assimilato i riti ed i piaceri che essa può regalare col gioco ai bambini durante la ricreazione. Conto i cuccioli. Sono sedici. “Prendi questi, facciamo metà per ciascuno”. Poi scavalco il muretto, le metto le figurine nella tasca del grembiule blu, la prendo per mano, la porto dalle sue compagne che giocano sotto l’ippocastano. Adesso sento che siamo felici.

__________________________

Chiara e Roberto Beretta

Modena,22 giugno 2011

 :roll:   CUORE 150°

Liberamente ispirato al racconto “Il vaporino”, venerdì 10 febbraio, Cuore, E. De Amicis

____________________________________________________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Febbraio/Il_vaporino

Cuore torna mercoledì prossimo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>