Elogio della bicicletta

Non tutti i cittadini godono degli stessi diritti sulla strada. C’è una categoria di utenti deboli. Sono i pedoni e i ciclisti. Essi non possono fruire degli spazi della città secondo la loro liberà volontà. A loro sono negati il diritto a muoversi in libertà e sicurezza, il diritto alla salute, il diritto di godere degli spazi pubblici, il diritto di socializzare, il diritto al silenzio ed alla tranquillità, il diritto di risparmiare, ed altri ancora. L’esercizio di questi diritti è stato sacrificato al diritto di muoversi con l’auto. E quest’ultimo diritto, con il passare del tempo ha fagocitato tutti gli altri diritti.Così 😛 ┬áil tessuto urbano è stato stravolto a vantaggio delle macchine, e gli ignari gaudenti cittadini sono diventati succubi e vittime di un modello di vita sbandierato come progresso e del benessere ad ogni costo. Il risultato è che le città sono ora luoghi da cui le persone sono irrimediabilmente escluse, perché non è possibile, e altrettanto non è consigliabile per ragioni di sicurezza, muoversi lì con altro mezzo che non sia l’automobile. La miopia degli amministratori e la ricerca del consenso elettorale non ha favorito, e non favorisce tuttora la diffusione e l’uso della bicicletta, dell’uso del mezzo pubblico, degli spostamenti a piedi e delle zone pedonali, se non sporadicamente o in misura inadeguata o insufficiente. In seguito a questa trasformazione delle città, chi ora desidera muoversi a piedi o in bicicletta si espone ad ulteriori gravi rischi per la salute individuale, già compromessa dall’inquinamento dei veicoli a motore. E ingenti sono i costi sociali ed economici di questo modello urbano. Il paradosso è che gli automobilisti sono essi stessi persone. Contemporaneamente carnefici e vittime! E’ il momento di tornare e reinventare gli spazi urbani per una città dove l’uomo conta di più dell’automobile. Bisogna riprendere il possesso dei luoghi in cui viviamo, per ridare la città (e i paesi) ai suoi abitanti. Disincentivare l’uso dell’auto. Agevolare la mobilità pedonale e ciclabile, incoraggiare l’uso dei mezzi pubblici. Oggi parliamo della bicicletta.

La bici non produce emissioni inquinanti, non utilizza combustibili fossili, è ecologica. La bici migliora la salute individuale e collettiva. ┬áAndare in bicicletta tutela la salute, previene le malattie cardiovascolari attraverso l’esercizio fisico quotidiano, consigliabile ed effettuabile da tutti, giovani, adulti, anziani. Andare in bicicletta favorisce l’equilibrio psicofisico perché riduce lo stress. La bici è adatta al gentil sesso perché fa mantenere la linea e fa perdere i chili in eccesso. E’ adatta al sesso forte per gli stessi identici motivi. E’ adatta all’anziano. E’ adatta al giovane con la fidanzata. La bicicletta consente spostamenti rapidi e, per tragitti brevi, fino a qualche chilometro cittadino, è più veloce della macchina. La bici occupa poco spazio e non ha problemi di parcheggio. Non produce inquinamento acustico. Ama il silenzio. Andare in bicicletta è l’attività fisica più a buon mercato. Ti mantiene in forma senza spendere i soldi per la palestra. La bici è risparmiosa. Quando il prezzo della benzina è alle stelle e lo stipendio si scioglie come neve al sole per via di tasse e bollette, la bici ti fa risparmiare sul pieno. Ha costi di manutenzione quasi nulli in confronto alla vorace automobile. Nessuna revisione periodica obbligatoria né controllo di fumi. Non ha bisogno di un garage dai prezzi stratosferici. Puoi tenerla in giardino o nel sottoscala o in cantina o sul solaio.Ti lamenti che paghi troppe tasse? Ne vuoi pagare di meno? Vai in bicicletta. Per il sindaco infatti la manutenzione delle piste ciclabili è incommensurabilmente meno costosa di quella delle strade. Al sistema sanitario nazionale la bici consegna meno malati e meno traumatizzati da trattare. Alla previdenza sociale meno invalidi. Perci├▓ la bici abbatte i costi della salute. La bici non paga bolli né assicurazione. E’ il mezzo di locomozione più sicuro. Riduce la congestione del traffico, restituisce gli spazi della città alla città togliendoli alle automobili che l’hanno trasformata in un immenso parcheggio delocalizzato delle fabbriche automobilistiche. La bici migliora la qualità della vita sociale. La bici favorisce le relazioni sociali perché facilita e rende possibile l’incontro fra le persone. La bici realizza il contatto diretto dell’uomo con l’ambiente circostante e crea una nuova relazione con la città, una nuova dimensione di vita. Una dimensione appunto a misura d’uomo.

_____________________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 28 aprile 2012, Beretta Roberto

________________________________________________________

<┬áSpeciale 25 aprile 2012┬á<┬á┬á > breve storia dell’ICI >

indice articoli primo piano

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>