Trecento giovani e forti

Sul ponte del Cagliari illuminato dai bagliori degli incendi, si accalcano trecento uomini inebriati dalla libertà ottenuta, eccitati e storditi dalle confuse notizie di insurrezioni popolari e di fine dell’oppressione borbonica. Uomini rozzi, delinquenti comuni, ladri, violenti, lenoni, militari in punizione, galeotti. Nel tumulto e nella confusione, i congiurati non possono fare distinzione fra “politici” e delinquenti comuni. Sulla nave sono saliti i più violenti, coloro che sono riusciti a farsi largo con spintoni e cazzotti nella calca che c’è sulla banchina. E’ impossibile controllare l’identità di ciascuno. L’archivio di polizia è in fiamme sotto i loro occhi. Del resto, non conviene andare tanto per il sottile. E’ :roll: meglio avere quanta più gente possibile per assicurare almeno i primi passi della marcia insurrezionale. E non c’è nemmeno il tempo per fare controlli. Infatti bisogna partire al più presto per mantenere la sorpresa al momento dello sbarco sulla costa cilentana. Già si teme che che qualche gozzo di pescatori sia già sfuggito per dare l’allarme a Gaeta. Perciò le lance del Cagliari pattugliano la rada affinchè ciò non avvenga. Si contano infine i politici liberati: sono solo undici.

E’ ormai mezzanotte. Il Cagliari leva alfine l’ancora. Direzione Sapri, golfo di Policastro, Cilento. La notte trascorre in febbrili preparativi. Chiuso in cabina Pisacane organizza il suo piccolo esercito. Sul far del giorno passa in rassegna gli uomini schierati sul ponte. Trecento uomini rozzi, delinquenti comuni, ladri, violenti, lenoni, militari in punizione. Un esercito di galeotti. Non sarebbero facilmente scambiati per una banda di briganti o pirati? Come si può credere di trasformarli in patrioti iniziatori dell’indipendenza italiana? Come potrebbero realisticamente battersi contro le truppe di re Ferdinando? Combattere con coraggio lealtà e bravura per la libertà? E quale libertà, se non la libertà individuale? Non evaderebbero non appena sbarcati?

Pisacane invece testardamente vuole credere in loro. Il successo di oggi dimostra il suo convincimento che una scintilla può trascinare la rivoluzione. Li divide in tre compagnie, ogni compagnia in dieci squadre. Dà il comando delle squadre ai politici ed ai più intraprendenti fra i militari in punizione. Distribuisce le poche armi e le altrettanto scarse munizioni. A ciascuno dieci cartucce. Egli è generale. Nicotera colonnello. Falcone maggiore. Mentre passa in rassegna sul ponte i suoi soldati, egli li incita all’azione. Fa crescere in loro l’anelito al sacrificio per una nobile causa. Li fa sentire partecipi di un movimento ideale. Inculca la fede nella vittoria. A Sapri si uniranno duemila persone. Altre cinquecento a Padula. I calabresi insorgeranno ad un cenno. Percorrendo il Vallo di Diano i trecento incontreranno una colonna di dodicimila uomini. I contadini insorgeranno. Napoli si ribellerà non appena giunta la notizia dello sbarco a Sapri. Tutto è disposto per il giorno di San Pietro. E se l’esercito napoletano vorrà in ogni caso opporre resistenza, centomila piemontesi, da fregate a vapore, comandati dal generale Garibaldi sbarcheranno mettendo fine ad ogni residua velleità dei borboni.

Nel cuore di Carlo, la tensione volitiva all’azione si abbraccia alla consapevolezza ed all’accettazione dell’estremo sacrificio. “La provincia in cui speriamo di piantare la bandiera italiana è abitata da gente buona ma ignorante, a cui si farà credere essere noi masnadieri o pirati scesi al saccheggio. Forse ci toccherà d’essere accolti come il drappello dei Bandiera, quali nemici dei nostri fratelli. E sia pure! Poveri popolani, non abbiamo se non la vita da dare all’Italia e di gran cuore l’offriamo”.

La nave scivola sul liquido mare, sospinta dall’invisibile forza del destino. Nel cielo trapuntato di stelle, il Cigno risplende allo zenit sulla nube bianca, che chiamano Lattea.

> fine dell’ottavo episodio <

< il genio e l’uomo volgare <   > il gozzo >

 :roll: la spedizione di Sapri

_________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 10 maggio 2012

_______________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>