Infodemia

INFODEMIA, s.f., Circolazione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non vagliate con accuratezza, che rendono difficile orientarsi su un determinato argomento per la difficoltà di individuare fonti affidabili. Il giornalista Brahim Maraad è intervenuto ad un recente webinar organizzato da ARCI Modena, con una breve relazione, allo scopo di illustrare come la stampa ha raccontato la pandemia di coronavirus (SARS-CoV-2), mettendo l’accento sull’impreparazione (inizialmente giustificabile) dei giornali e su alcuni “errori” di racconto sistematici, riassumibili nel termine di ‘infodemia’, ripetuti purtroppo anche in altre occasioni, e che hanno orientato in modo distorto le opinioni e incoraggiato comportamenti del pubblico non congrui con la realtà dei fatti. (*) Qui di seguito una sintesi dell’intervento.

159 Unità d’Italia, 30 dicembre 2020, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________

La pandemia  ha trovato tutti i giornali impreparati. Purtroppo non esistono manuali sul come raccontare una pandemia, e nemmeno per gestirla. Perciò sono stati fatti degli errori. In un primo momento è un racconto  distaccato quello dell’evoluzione della pandemia, confinato nella pagina degli esteri, il problema riguarda solo la Cina, al più si danno notizie sul come prevenire.

Quando in Italia nascono i primi focolai, la stampa si divide in minimalista ed allarmista. La prima ha un approccio quasi negazionista: “è poco più di un’influenza”,“non facciamoci prendere dal panico”, “non chiudiamo tutto”, “apriamo”, sostengono una posizione ostruzionista nei confronti dei provvedimenti del governo. Il fronte allarmista al contrario è pessimista, ma snocciola numeri in modo assoluto, senza entrare nelle storie, nei drammi che stanno dietro quei numeri.

Mentre in Italia si lancia l’allarme e si isolano le prime zone rosse, a livello europeo si ripete il modello di racconto nostrano: non ci riguarda, alcuni giornalisti sono accusati di allarmismo, gonfiano la pandemia per vendere più copie. Col risultato che la vita in Europa continua come prima senza trarre alcun insegnamento dal caso italiano: a Madrid per esempio grande manifestazione in piazza in occasione della festa della donna l’8 marzo.

Nella fase florida della pandemia, c’ è un salto di qualità, che porta l’OMS stessa a parlare di ‘Infodemia’, una pandemia dell’informazione, pericolosa quasi quanto la piaga sanitaria, in quanto porta le persone a negare l’esistenza del contagio e del virus,  a mettere in dubbio i numeri, l’utilità della mascherina, del vaccino, se non addirittura la pericolosità del vaccino. Si fa strada la teoria dell’agente esterno, del complotto. E l’agente esterno c’era e c’è tutt’ora, e si configura nel fornire  racconti diversi sull’origine della pandemia o  coordinare azioni che alimentano un sentimento antieuropeo o negazionista. Questa narrazione ha portato per esempio molte persone a scendere in piazza contro i provvedimenti e le restrizioni dei governi,  e a scontri in Gran Bretagna Germania Olanda. Persone scese in piazza non convinte delle misure che i rispettivi governi ponevano in atto per contrastare una pandemia che secondo loro non c’era.

Gli errori fatti dalla stampa nel raccontare la pandemia non si limitano a questa vicenda. Fanno parte invece di una strategia che va avanti da tempo, e che consiste nella diffusione di fakes news sulla base di particolari interessi, nel negazionismo alimentato contro i poteri forti, le aziende farmaceutiche, e così via. Elementi che si ritrovano in altri contesti recenti quali le elezioni italiane, europee, americane, la Brexit.

Un elemento del racconto tipicamente italiano è stato invece l’ eccessiva spettacolarizzazione della pandemia, con la presenza in TV assidua e quasi asfissiante di esperti e presunti esperti,virologi, scienziati, spesso costretti a confrontarsi con attori e uomini dello spettacolo.

(*) da Je suis razza umana 2020, Elementi di informazione – Brahim Maraad: Covid-19 in Europa, narrazioni diverse ? – ARCI Modena, 28 dicembre 2020)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>