La pioggia è luce

(Diego Valeri, Poesie vecchie e nuove, 1952)

E’ un quadro malinconico, grigio, freddo, cupo. La campagna devastata dalla pioggia primaverile, il cielo plumbeo e greve di nuvole che si specchia nelle pozze d’acqua, fossati limacciosi e pozzanghere torbide. Un’atmosfera di solitudine e di morte. Eppure in questa scena all’apparenza solitaria e triste, le giovani piantine di grano, dal verde robusto e vitale, si rallegrano per quella gocciola d’acqua che le lambisce all’apice e par che scintilli, investendole di luce ed accendendo in loro nuova vita. Così ciò che spesso superficialmente disprezziamo si rivela invece fonte insostituibile ed inesauribile di vita. (r.b.)

________

LA PIOGGIA E’ LUCE

La pioggia è luce sopra il grano nuovo,

accende in punta ad ogni filo d’erba

una favilla di giovane vita.

Così, tra fossatelli lutolenti,

e vitree pozze abbrividite, ride

sotto un cielo di fredde ombre rimorte

il verde nuovo, la speranza nuova.

  Diego    Valeri 

_____________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 29 aprile 2012, Beretta Roberto

________________________________________________

< alle fronde dei salici <   > in chiesa >

:roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>